domenica 26 Maggio 2024
HomeEconomiaAlmaviva. A rischio 400 lavoratori, il 30 presidio in Regione

Almaviva. A rischio 400 lavoratori, il 30 presidio in Regione

NAPOLI. Dai lavoratori di Almaviva, contact leader azienda italiana dell’outsourcing, riceviamo questo appello che condividiamo e pubblichiamo.

La nostra azienda in data 21 marzo ha avviato la procedura di mobilità per 3000 esuberi per le sedi di Palermo Roma e Napoli, in quella di Napoli e su un totale di 870 dipendenti sono stati dichiarati 400 esuberi! Questi esuberi sono frutto delle leggi italiane che permettono di delocalizzare all’estero il lavoro italiano. Per tanto i dati personali quando si chiama un call center non vengono gestiti da italiani ma da persone che non hanno le stesse leggi sulla privacy. Ti chiedo di aiutarci a fermare questa decisione!
Mercoledì 30 marzo 2016, alle ore 9:30, i Lavoratori e le Lavoratrici di Almaviva Napoli terranno un grande presidio sotto il palazzo del Consiglio Regionale al Centro Direzionale di Napoli, per la crisi di Almaviva, coinvolgendo la società civile, il mondo del Lavoro e della cultura, ritenendo questa vertenza non solo una vertenza nazionale ma un simbolo per la nostra Città e la nostra Regione, unitamente alle organizzazioni sindacali, alle Rsu e tutti i Lavoratori per sollecitare le forze politiche del nostro territorio. Abbiamo invitato le istituzioni locali, comunali e regionali nelle persone del Sindaco di Napoli e del Presidente della Regione Campania”.
Chi vuole affiancarli nella loro battaglia potrà usare sulla propria pagina l’hashtag
#iosonoAlmavivaEnoncisto

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche