giovedì 18 Aprile 2024
HomeAppuntamentiAnche Napoli tra le città che hanno aderito alla mobilitazione #liberidifare

Anche Napoli tra le città che hanno aderito alla mobilitazione #liberidifare

NAPOLI. Parte dal porto di Mergellina una delle tappe della manifestazione nazionale #liberidifare nei giorni 3,4 e 5 novembre dalle 15 alle 16. Scopo della mobilitazione la promozione e sensibilizzazione dell’autonomia delle persone non autosufficienti.

Parte la mobilitazione #liberidifare, che sarà sincronizzata in diverse città d’ Italia e comprenderà una serie di manifestazioni atti a promuovere  l’autonomia e l’assistenza delle persone disabili. L’evento si terrà nei giorni 3,4 e 5 novembre dalle 15 alle 16,  a Napoli l’incontro è al porto di Mergellina e terminerà al Castel dell’Ovo. Questa manifestazione nazionale avrà l’obbiettivo principale di informare la cittadinanza l’importanza e la necessità di un sostegno più concreto alla vita indipendente delle persone non autosufficienti. L’idea nasce proprio dall’omonimo movimento #liberidifare, frutto di una lettera aperta di due sorelle disabili Maria Chiara e Elena Paolini, divulgata sui network, da sempre attive nella battaglia per il diritto all’assistenza e all’abolizione delle barriere architettoniche e mentali che possono ostacolare la vita delle persone non autosufficienti. Il fine del movimento è quello di promuovere l’idea di una vita indipendente mediante l’autogestione dei fondi destinati all’assistenza personale, sistema già applicato negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei come Svezia, Inghilterra e Filandia. Infatti la persona diversamente abile in questo modo si trasforma da soggetto passivo di cure standardizzate a soggetto attivo, in grado di assumere direttamente gli assistenti sanitari (possibilità estesa anche al tutore legale) e pianificare insieme uno stile di vita adeguato alle proprie esigenze. Purtroppo per mancanza di fondi in Italia, l’assistenza alle persone disabili ha ancora delle notevoli carenze, che portano alla limitazione del normale svolgimento delle loro attività quotidiane, in virtù di questo la manifestazione #liberidifare ha proprio come scopo quello di informare l’opinione pubblica sulla gravità delle incompletezze socio assistenziali e chiedere a gran voce risposte e soluzioni alle “politiche sociali”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche