giovedì 29 Febbraio 2024
HomeAmbienteAto Napoli 3 Rifiuti, approvati i Sad. Ecco i Comuni che...

Ato Napoli 3 Rifiuti, approvati i Sad. Ecco i Comuni che ne fanno parte

Nel Consiglio d’ambito tenutosi oggi sono stati approvati i Sad (sub ambito distrettuale), dunque i nuovissimi distretti previsti dalla legge regionale (14/2016) in materia di gestione del ciclo integrato dei rifiuti.

Ecco i distretti, con i Comuni che ne fanno parte:

Sad1 (Massa Lubrense, Meta, Piano di Sorrento, Sant’Agnello, Sorrento); Sad 2 (Vico Equense, Castellammare di Stabia, Torre Annunziata); Sad3 (Boscotrecase, Pompei, Santa Maria La Carità, Sant’Antonio Abate, Torre del Greco, Trecase, Boscoreale), Sad4 (Cercola, Ercolano, Massa di Somma, Pollena Trocchia, Portici, San Giorgio a Cremano, San Sebastiano al Vesuvio, Volla, Pomigliano d’Arco); Sad 5 (Sant’Anastasia, Ottaviano, Terzigno, San Giuseppe Vesuviano), San Gennaro Vesuviano, Poggiomarino, Striano); Sad 6 (Carbonara di Nola, Casamarciano, Cicciano, Cimitile, Comiziano, Palma Campania, Tufino, Roccarainola); Sad 7 (Brusciano, Castello di Cisterna, Mariglianella, Marigliano, San Vitaliano), Sad 8 (Nola, Liveri, Somma Vesuviana, San Paolo Belsito, Camposano, Saviano, Visciano); Sad9 (Capri, Anacapri), Sad 10 (Agerola, Gragnano, Casola di Napoli, Lettere, Pimonte).

Nella stessa seduta è stata deliberata anche la scelta del modello di gestione sugli impianti di smaltimento dei rifiuti.

«Sono davvero contento ed emozionato – dice Enrico Angelone, direttore generale dell’Ambito Territoriale Ottimale 3 – il deliberato di oggi è una svolta storica nel ciclo dei rifiuti: per la prima volta ben 59 Enti Locali decidono di collaborare e dare così inizio a nuove forme di gestione finalmente unitarie».

Soddisfatto anche il presidente Gioacchino Madonna: «La portata del risultato va molto oltre ciò che oggi possiamo immaginare: abbiamo realizzato una struttura per nulla scontata e di rilevanza storica in quest’ambito. Desidero perciò rivolgere i miei complimenti al direttore ed a tutti i componenti del consiglio Ato3 per il grande lavoro e l’impegno profuso. Complimenti inoltre anche ai tanti sindaci che hanno compreso l’importanza e la delicatezza di questa fase, mostrando grande responsabilità e lungimiranza».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche