sabato 15 Giugno 2024
HomeComunicati stampaAutonomia, Confapi: "Un errore i fondi basati su spesa storica"

Autonomia, Confapi: “Un errore i fondi basati su spesa storica”

Napoli – Il presidente Raffaele Marrone: “Testo di legge non convince, bisogna cambiarlo”.

«Il disegno di legge sull’Autonomia differenziata, così com’è, non risponde alle linee guida del Piano di ripresa e resilienza. Sono necessari una profonda valutazione di merito e un robusto passaggio in Parlamento per migliorarlo».

A dirlo è Raffaele Marrone, presidente di Confapi Napoli.

«Il testo attuale sembra non incidere sull’aspetto della coesione sociale e territoriale per cui il Pnrr è stato pensato e sviluppato – aggiunge Marrone –. Anzi, da una lettura del documento si ha l’impressione che regionalismo differenziato, disegnato dalla legge quadro, lasci le cose così come stanno, non aiutando nella riduzione del divario tra Nord e Sud del Paese. Obiettivo, invece, strategico per un rilancio dell’economia nazionale oggi aggredita dall’inflazione e dalle prospettive di una mancata crescita dovute anche alla guerra in Ucraina».

«La perequazione e l’accesso a pari condizioni di sviluppo sono la stella polare del nostro Recovery fund – conclude Marrone –. Non si tratta di fare una battaglia ideologica Nord contro Sud, ma di rivendicare dei criteri sostenibili e solidaristici per la suddivisione delle risorse. Quale non è certamente quello della spesa storica che ha contribuito all’arretratezza socio-economica delle nostre regioni meridionali. I livelli essenziali di prestazione devono essere calcolati per aiutare il Sud, non per lasciarlo nella palude». (L’ufficio stampa).

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche