mercoledì 25 Novembre 2020
Home Comunicati stampa Bagno di folla per Raffaele De Luca, candidato sindaco di Trecase

Bagno di folla per Raffaele De Luca, candidato sindaco di Trecase

TRECASE. Bagno di folla alla presentazione del candidato sindaco Raffaele De Luca e dei candidati al consiglio comunale di Trecase della lista “SiAmo Trecase”.

Nessun politico presente, per scelta condivisa da tutti, ma sola presenza di autorevoli esponenti della società civile, qual il dirigente scolastico Sebastiano Bauso e la docente in filosofia, e giornalista, Maria Teresa Di Casola, e quanti hanno a cuore le sorti di Trecase; di quanti, stanchi della vecchia maniera di fare politica, intendono realmente cambiare Trecase.

Al ristorante “Zimbarella” è andato in scena un nuovo inizio per Trecase. Centinaia di donne e uomini trecasesi, insieme per un progetto politico chiaro, responsabile, concreto ed equilibrato, sono accorsi  per conoscere il candidato sindaco De Luca e l’intera lista dei candidati.

- Advertisement -

Una lista che, suscitando enorme interesse e consenso, ha aggregato svariate professionalità, con larga rappresentanza femminile, giovani e professionisti che, sebbene si affaccino per la prima volta alla politica, rappresentano una garanzia di capacità amministrativa in forza della preparazione che li contraddistingue.

Una squadra di donne e uomini capaci e motivati dal senso civico, che hanno come obiettivo prioritario la valorizzazione di Trecase e che insieme alla comunità vogliono partecipare in modo diretto ad un cambiamento percepibile e concreto.

Il nostro programma politico, pubblicato sul sito www.siamotrecase.it – ha spiegato il candidato sindaco Raffaele De Luca- è stato elaborato con la gente e per la gente. Esso vuole utilizzare le proposte dei cittadini come risorsa per una politica rinnovata, nei contenuti e nelle azioni. La politica, per me, è impegno civico, energia, entusiasmo, passione per le idee e per la loro affermazione; essa è confronto con le persone, ascolto, dialogo, crescita e deve dare risposte alle attese dei cittadini. La lista che rappresento –ha aggiunto Raffaele De Luca- è composta di volti nuovi, donne e giovani affiancate da persone di esperienza; tutti capaci e motivati da senso civico che hanno come obiettivo prioritario la valorizzazione di Trecase. Abbiamo scelto la strada del confronto e dell’arricchimento ispirato ai principi della democrazia partecipata e della solidarietà. Il rispetto della persona, la salvaguardia, lo sviluppo e la promozione del territorio, l’assistenza verso i più deboli, la partecipazione della popolazione alle scelte strategiche per il futuro di Trecase, sono i principi ispiratori del nostro progetto politico. Le sfide che ci attendono sono tante ed impegnative –ha concluso il candidato Sindaco-; siamo consapevoli che il compito è arduo ma, con l’aiuto dei trecasesi, lo assolveremo al meglio con spirito di servizio”.

- Advertisement -
- Advertisment -
- Advertisment -

Articoli recenti

Dalla generosità dei mariglianesi 100 tute di biocontenimento e tablet alla protezione civile “La salamandra”

Marigliano. Dall'arte e dalla generosità sono arrivati atti concreti. Accade a Marigliano grazie ad un gruppo nato su Facebook "L'arte per Marigliano" che ha permesso...

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ecco le iniziative del Comune di S. Gennaro

San Gennaro Vesuviano. Il Comune si "tinge" di rosso per dire "no" alla violenza sulle donne. Ma non soltanto, altre iniziative saranno messe in...

Conferenza fiume Sarno: tra storia ed archeologia, videoconferenza del Rotary

Poggiomarino. Il Rotary Club Poggiomarino Vesuvio Est, nell’ambito del suo impegno per la salvaguardia e la conoscenza del territorio vesuviano, ha organizzato per giovedì...

Sanzionati per essersi spostati in un altro Comune senza motivazione, controlli a San Giuseppe

San Giuseppe Vesuviano. Controlli per verificare il rispetto della zona rossa. Questa mattina la polizia locale di San Giuseppe Vesuviano (agli ordini del tenente...

Sisma Irpinia, Ordine architetti: abbiamo imparato poco o nulla da tragedia

Da «Fate Presto» a «Fate Prima»: è necessaria una prevenzione civile NAPOLI – Alle 19.34 del 23 novembre 1980 la terra tremò per 90 secondi....
- Advertisment -