lunedì 26 Settembre 2022
HomeSportBrasile 2014: Italia fuori dal Mondiale!

Brasile 2014: Italia fuori dal Mondiale!

Brasile 2014: Italia fuori dal Mondiale! Come nel 2010, la nazionale italiana non supera il girone di qualificazione e ritorna a casa anzitempo.

La vittoria con l’Inghilterra aveva illuso tutti, pensavamo di avere la qualificazione in tasca e forse anche il primato del girone; purtroppo il risveglio è stato tremendo. Nelle altre due sfide, gli azzurri hanno subito altrettante sconfitte fornendo delle prestazioni impalpabili, soprattutto in attacco (zero gol contro Costarica ed Uruguay), confermando che urge un cambio generazionale per formare un nuovo ciclo.

Prandelli ritorna al 3-5-2 affidandosi al pacchetto difensivo juventino composto da Barzagli, Bonucci e Chiellini; a centrocampo Pirlo ritorna nella posizione di regista con Marchisio e Verratti ai lati, mentre De Sciglio e Darmian agiscono larghi sulle fasce. Balotelli ed Immobile formano la coppia offensiva. Tabarez manda in campo una formazione fisica ed operaia che si affida alla coppia gol Cavani-Suarez (63 reti in due in nazionale).

Formazioni:

Italia (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Darmian, Verratti, Pirlo, Marchisio, De Sciglio, Balotelli, Immobile. All. Prandelli.

Uruguay (4-3-1-2): Muslera, Caceres, Gimenez, Godin, Alvaro Pereira, Alvaro Gonzalez, Rios, Rodriguez, Lodeiro, Suarez, Cavani. All. Tabarez.

Cronaca della partita:

Al 7’punizione dalla distanza di Suarez, Buffon respinge con i pugni. Al 12’ Muslera deve respingere una punizione di Pirlo. Ricordiamo che all’Italia vanno bene due risultati su due, mentre la Celeste è obbligata a vincere. I giocatori in campo sembrano patire particolarmente il clima: oltre il 50% di umidità. Al 23’ si ripete il duello tra Suarez e Buffon, il portiere azzurro respinge ancora una volta il tentativo del numero nove uruguaiano. Al 32’ doppia occasione per l’Uruguay: Buffon deve intervenire prima su Suarez e poi su Lodeiro. Pericolo scampato per gli azzurri. Fine del primo tempo.

Nel secondo tempo, Prandelli manda in campo Parolo al posto del claudicante Balotelli. Anche Tabarez effettua un cambio, entra Maxi Pereira al posto di Lodeiro. Le due squadre continuano a giochicchiare, ritmi lenti e poche idee in campo. Al 58’ pericolo per l’Italia: Suarez inventa per Rodriguez che calcia fuori a tu per tu con Buffon. Al 59’ la svolta della gara: scontro a centrocampo tra Marchisio e Rios, l’arbitro estrae il cartellino rosso per l’azzurro. L’errore dell’arbitro Rodriguez sarà decisivo sulle sorti della gara. Al 65’ Buffon mantiene a galla i suoi con un grandissimo intervento su Suarez. Al 79’ scontro nell’area azzurra tra Chiellini e Suarez: l’arbitro non ravvede un morso dell’attaccante uruguaiano (che andava espulso), gli azzurri rimangono in inferiorità numerica. All’81’ l’Uruguay passa in vantaggio con un colpo di testa/spalla di Godin su calcio d’angolo battuto dall’ex giocatore del Bologna Ramirez. Gli azzurri abbozzano una timida reazione che però non porterà all’insperato pareggio. Fine del match, Uruguay batte Italia 1-0.

Al termine della gara, il tecnico Cesare Prandelli ha dato le proprie dimissioni, molto probabilmente lo seguiranno alcuni senatori come Buffon e Pirlo per dare spazio ai giovani. Per il ruolo di commissario tecnico della nazionale italiana sono in lizza Massimiliano Allegri, Roberto Mancini e Luciano Spalletti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti