venerdì 14 Giugno 2024
HomeComunicati stampaCdl entusiasta del Bilancio della Sinistra, è polemica nel centrodestra

Cdl entusiasta del Bilancio della Sinistra, è polemica nel centrodestra

SANT?ANASTASIA – L’assessore al Bilancio si esprime positivamente sul documento contabile redatto dal centrosinistra ed è polemica nella Casa delle Liberta.
LEGGI IL MANIFESTO DEI CANDIDATI DEL CENTRODESTRA


SANT’ANASTASIA – Che un assessore di centrodestra definisca buono lo stato di salute delle casse comunali (gestite per dieci anni di seguito dal centrosinistra) è sicuramente cosa insolita. E’ accaduto con Armando Di Perna, assessore al Bilancio di Forza Italia e adesso altri candidati della Casa delle libertà chiedono chiarimenti a riguardo. Prima un manifesto in cui si esigeva che il sindaco Carmine Pone governasse senza “consociativismo” e oggi i “candidati del centrodestra” chiedono di capire “Quale ragionamento politico, logico, deduttivo ha seguito l’assessore Di Perna per arrivare a fare certe dichiarazioni?”, domanda Felice Manfellotto, con Mario Gifuni tra i fautori del manifesto uscito qualche giorno fa con il titolo: “Project financing: bocciato”. “Si trattava del bilancio consuntivo redatto dalla passata amministrazione”, spiega Gifuni, esponente di Forza Italia, “il centrodestra aveva l’unico onere di portare il bilancio all’ordine del giorno del consiglio comunale non di approvarlo. Del resto il centrosinistra quando si è trattato di discutere della delibera per la ristrutturazione del cimitero ha preferito non votare lasciando l’aula”. “Viene da chiedersi”, aggiunge Manfellotto, “il bilancio è stato approvato perché le finalità che vi erano riportate sono le stesse del centrosinistra o sono diverse?”. Un problema squisitamente politico, manca il dialogo tra i tesserati e gli apparati politici che stanno governando Sant’Anastasia. Occorre più “democrazia partecipata” come è stato sottolineato nello stesso manifesto. “Le sezioni non sono rimaste aperte dopo le elezioni”, spiegano Manfellotto e Gifuni, “Manca il confronto democratico, non si ragiona delle questioni che saranno poi discusse in giunta o in consiglio comunale, perché non è stato ratificato prima con gli iscritti quale sarebbe stato il tipo di intervento che l’amministrazione avrebbe sostenuto nell’ultima assemblea consiliare?”. Quello che chiedono i candidati del centrodestra è che le sezioni tornino ad accaparrarsi del ruolo istituzionale che gli compete: coinvolgere tutti (iscritti e simpatizzanti) nei passaggi della macchina amministrativa. Una democrazia intesa nel vero senso della parola che possa fare in modo che le persone che si sono impegnate per la vittoria della propria parte politica non si sentano poi degli sterili serbatoi di voti lasciati in un angolo una volta vinto.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti

Rubriche