domenica 23 Giugno 2024
HomeAttualitàCentocinquantamila euro per gli scavi di Suessola

Centocinquantamila euro per gli scavi di Suessola

ACERRA. La somma è stata stanziata dal ministero dell’Economia e Finanze. L’area archeologica sarà realizzata in località “Calabricito”, situata a ridosso del confine con il Casertano.


Il parco archeologico di Suessola è sempre più vicino. Il ministero dell’Economia e Finanza ha destinato al Comune di Acerra 150 mila euro “interventi diretti a tutelare l’ambiente e i beni culturali e a promuovere lo sviluppo economico e sociale del territorio”.
Il finanziamento, erogato anche grazie all’interessamento costante del senatore Tommaso Sodano, firmatario di una proposta di legge nel corso della XIV legislatura per l’area archeologica di Suessola, servirà sia per l’avvio della realizzazione del parco che per l’inizio delle procedure di acquisizione al patrimonio comunale della “Casina Spinelli”, bene storico di notevole valore ancora nella disponibilità degli eredi della nobile famiglia vissuta ad Acerra nei secoli scorsi.
Nel novembre scorso, poi, la giunta comunale ha approvato su proposta dell’assessore all’Urbanistica, Giovanni La Montagna, una delibera riguardante l’istituzione del parco con la quale ha aderito al bando regionale relativo alla legge n. 17/2003, riguardante “l’istituzione del sistema dei parchi urbani di interesse regionale”.
“Continua il lavoro dell’Amministrazione comunale per valorizzare l’area- dichiara l’assessore alla Cultura e al Bilancio Giovanbattista de Laurentis-. Grazie a questo finanziamento si gettano le basi per un lavoro che nel tempo dovrà puntare alla definitiva acquisizione della casina Spinelli e al prosieguo degli scavi in modo da far emergere completamente tutti i reperti, estremamente interessanti dal punto di vista storico-artistico. L’obiettivo finale è la restituzione alla città della località Calabricito quale polmone verde”.

Francesco Di Rienzo

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche