domenica 21 Aprile 2024
HomeComunicati stampa"Circumvesuviana, il debito mai pagato!": pendolari all'assalto

“Circumvesuviana, il debito mai pagato!”: pendolari all’assalto

La Circumvesuviana in più dieci anni ha accumulato un debito nei confronti dei viaggiatori a cui ha sottratto centinaia di milioni di ore
Se pensiamo che occorrono quattro anni per recuperare un giorno,
per quelli persi mettendo insieme il tempo consumato in attesa, tra corse cancellate, soppresse, ritardi, di un treno diventato quasi miraggio, ci vorrà forse un’altra vita.
Anni in cui sono andati via giorni, settimane, mesi della propria vita.
Tempo rubato, alla gioia di vivere, al lavoro, allo studio, all’amore. Tempo che non tornerà più indietro, tempo andato senza alcun risarcimento.
Tutti questi anni hanno lasciato segni sulla pelle, ferite di diritti scippati, di dignità rubata.
Tra i tanti debiti di EAV c’è questo a cui nessuno sembra voler rispondere, forse sono spaventati dalla cifra, oppure non hanno più scuse convincenti:
MILIONI di ore sottratte alla vita quotidiana dei pendolari vesuviani.
Chi pagherà mai per questo ammanco, per un servizio mai garantito, sempre più snellito da un numero di corse dimezzate e spesso effettuate in condizioni disagiate.
Dopo le proteste e la petizione noi pendolari avevamo dato credito all’azienda che si era impegnata anche alla presenza di rappresentanti della regione di apportare delle migliorie rispetto al servizio sperimentale della scorsa estate. Invece ad oggi dopo aver avuto anche delle riunioni tecniche con i dirigenti responsabili delle linee vesuviane, riscontriamo il totale diniego alle nostre proposte.
Siamo a conoscenza delle difficoltà e della penuria di treni sulle linee vesuviane, ma siamo sempre più convinti che quel poco di materiale rotabile efficiente debba essere utilizzato garantendo in modo egualitario la mobilità pubblica su tutto il territorio servito dalle linee vesuviane.

E’ quanto scrive in un comunicato Enzo Ciniglio, Portavoce Coordinamento Comitati
Pendolari Circumvesuviana

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche