mercoledì 24 Aprile 2024
HomeAttualitàCircumvesuviana: scontro azienda e sindacati. Altre corse soppresse

Circumvesuviana: scontro azienda e sindacati. Altre corse soppresse

Un’intera linea ferroviaria cancellata, la Napoli-Pompei-Poggiomarino. La decisione dell’Eav, l’azienda che gestisce la Circumvesuviana, suscita indignazione e proteste tra i pendolari, lavoratori e studenti universitari rimasti a piedi. “Un provvedimento – dicono in tanti che si sono recati in stazione e aver saputo del black out – incredibile.

Per una diatriba tra azienda e sindacati si fanno pagare le conseguenze ai viaggiatori”. Sui social i commenti si moltiplicano. “Vergogna”, scrive qualcuno. “Sono impazziti, come facciamo ad andare a lavorare'”, chiede un altro.

Enzo Ciniglio, rappresentante dei pendolari, scrive su Fb: “questa è pura follia, inadeguatezza dirigenziale. Ci sono gli elementi per una denuncia per truffa. Come fa un’azienda a capitale pubblico con concessione di un servizio pubblico in regime di monopolio ad annunciare prima l’incremento delle corse e e quindi di fatto a rinnovare l’abbonamento e poi addirittura taglia un’intera linea? Siamo in balia di folli”. E la situazione, oggi pesante, rischia di diventare drammatica con la prossima riapertura delle scuole visto che migliaia di studenti si spostano normalmente in treno per raggiungere le scuole.

E anche oggi la situazione è critica sul resto della rete. Due corse mattutine cancellate senza preavviso, tra cui una lungo la linea Napoli-Sorrento considerata strategica; altre 26 che l’azienda indica come ”non garantite”; stazioni completamente cancellate dal servizio oltre alla già annunciata soppressione della tratta Napoli-Scafati-Poggiomarino. L’Ente Autonomo Volturno che gestisce le tratte che collegano il capoluogo a numerose città della provincia ha stigmatizzato ”l’improvviso rifiuto di accettare le prestazioni straordinarie da parte di un significativo gruppo di lavoratori afferenti al personale di bordo”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche