lunedì 26 Febbraio 2024
HomeCronacaCucciolo ferito e abbandonato in strada, salvato dalla polizia locale

Cucciolo ferito e abbandonato in strada, salvato dalla polizia locale

SANT’ANTIMO. Cucciolo ferito e abbandonato in strada, salvato dalla polizia locale. Nel corso del monitoraggio e controllo del territorio, gli agenti della Polizia Locale sono stati allertati da una cittadina la quale segnalava la presenza di un cane ferito e sofferente in via Vivaldi.

Giunta sul posto la pattuglia, notava la effettiva presenza dell’animale sanguinante e affamato che presentava vistose ferite che richiedevano immediate cure da parte degli addetti. Subito il cane veniva assistito e prelevato dalla zona al fine di evitare che lo stesso venisse investito. Il cane, curato e sfamato, ora sta bene e si trova presso il centro addetto all’assistenza animali. Dall’inizio dell’anno sono proseguite le attività in difesa degli animali da parte degli uomini del Comando Polizia Locale con varie sanzioni che vanno dal mancato microchip, maltrattamenti, e altro, e si conta di circa 10 animali già soccorsi.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche