lunedì 26 Febbraio 2024
HomeAppuntamentiDalla Campania al Brasile, l’università del Videogioco IUDAV all’università di Rio per...

Dalla Campania al Brasile, l’università del Videogioco IUDAV all’università di Rio per realizzare un Corso in “Gaming e Metaverso”

Don Patrizio Coppola alias “Padre Joystick: «Animazione e intrattenimento multimediale sono settori ad altissima opportunità di placement. Dai videogames al cinema alle arti digitali, i nostri studenti apprezzati in tutti il mondo. Nella nostra sede in Irpinia creiamo il futuro»

CAMPANIA. Vola in Brasile l’università del Videogames e Animazione IUDAV, per realizzare un corso di alta formazione in “Gaming & Metaverso” in sinergia con l’università di Rio de Janeiro. Un’esperienza che parte dalla Campania per esportare il talento dei giovani e la creatività made in Italy all’estero, per sviluppare interconnessioni culturali attraverso le nuove frontiere della comunicazione visiva digitale.

“Siamo stati i primi a credere nella potenzialità dei videogames con una struttura all’avanguardia. Una sfida nata circa dieci anni fa dall’Irpinia – sottolinea Don Patrizio Coppola, meglio conosciuto come Padre Joystick, fondatore della IUDAV – Dalla sede centrale, situata nel Comune di Solofra, dialoghiamo con tutto il mondo. Registriamo percentuali altissime di placement occupazionale post lauream: il 95% dei studenti IUDAV trova lavoro entro un anno dalla laurea, mentre i più bravi vengono inseriti anche durante l’anno accademico in progetti con contratti lavorativi a termine. È un ambiente di studio altamente stimolante, con affiancamento di docenti e tutor professionisti. Videogames, ma anche cinema, arti visive, regia, storytelling, comunicazione. Quell’idea, nata nel 2008 e implementata nel 2012, considerata quasi utopia inizialmente per il suo carattere avveniristico, oggi rappresenta il futuro, con percentuali occupazionali altissime. Oggi IUDAV VHEI è una realtà accademica consolidata”.

La diffusione del digitale, di game consolle di gioco, tablet e smartphone si è sviluppata, infatti, di pari passo con l’esponenziale progresso delle tecnologie che li supportano.

“Pubblicità, cinema, televisione, videogiochi, installazioni interattive hanno, a loro volta, creato una forte richiesta nel mercato del lavoro, provocando una crescita su larga scala dello sviluppo delle Arti Digitali in vari settori di impresa: dalla corporate communication all’eLearning, dall’intrattenimento multimediale a particolari percorsi terapeutici – prosegue Padre Joystick – Oggi le dinamiche videoludiche e le componenti di animazione sono determinanti per ogni prodotto multimediale. Sono indispensabili competenze tecniche per rispondere alle sfide contemporanee. Con i corso di studi di Bachelor of Arts (Hons.) in Digital Arts formiamo i leader del futuro dell’animazione, richiesti anche all’estero”.

Corsi di laurea triennale e magistrale in Arti Digitali e Visive, con diversi indirizzi, tra cui cinema, videogames e animazione. E ancora corsi di alta formazione in Game Design e Game Development, per imparare a conoscere i software più avanzati e innovativi, fino a formare profili eterogenei, in base alle inclinazioni personali dei discenti.

Un percorso di studi che articola tutte le fasi dall’ideazione, alla produzione, alla programmazione avanzata: moduli didattici complementari che spaziano dall’Illustrazione digitale e dalla narrazione visiva alla sceneggiatura, al design di uno storyboard, alla critica cinematografica, alle tecniche del suono. E ancora colonne sonore e doppiaggio, grafica in 3D, grafica 3D avanzata per i videogiochi, fino alla regia, alla direzione della fotografia o al film making.

“Le nuove tecnologie sono il futuro di un cambiamento totale delle nostre abitudini. Si tratta di un settore altamente competitivo e selettivo, sempre alla ricerca di nuovi professionisti, come evidenziato da due dei più grandi Board Jobs dedicati ai videogiochi e all’animazione – insiste Padre Joystick, che utilizza le nuove frontiere del digitale anche come mezzo per comunicare con la generazione Z, con una declinazione in prospettiva sociale – Siamo orgogliosi di portare la metodologia didattica che abbiamo sviluppato anche in Brasile. Il confronto accademico è sempre entusiasmante: apriamo nuovi scenari e creiamo i presupposti di nuove innovazioni. Noi anticipiamo il futuro”. (Ufficio Stampa IUDAV,Nicola Arpaia).

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche