lunedì 20 Maggio 2024
HomeAttualitàDiabete, assistenza negata, manifestazione di protesta a Giugliano

Diabete, assistenza negata, manifestazione di protesta a Giugliano

Assistenza negata ai malati di diabeti: lunedì 22 gennaio manifestazione di protesta a Giugliano 

NAPOLI .”Non sono bastate le due sentenze con le quali il Tar Campania ha accolto il ricorso dei malati, annullando, di fatto, la deliberazione dell’Asl Napoli 2 nord che inibiva ai centri di diabetologia privati (nonostante l’assenza di centri pubblici già allestiti ed operanti) la continuazione dell’assistenza. Ad oggi, infatti, quell’assistenza, con il correlato accesso ai presidi diagnostici terapeutici, continua ad essere negata”. Lo denuncia, in una nota, Federlab Campania, l’associazione di categoria maggiormente rappresentativa dei laboratori di analisi cliniche e dei centri poliambulatori privati accreditati (presieduta dal senatore Vincenzo D’Anna), annunciando, per lunedì 22 gennaio, una manifestazione di protesta di pazienti e strutture private accreditate, contro la sospensione dei contratti di servizio tra l’Asl Napoli 2 Nord (area nord e litorale flegreo) e 13 centri territoriali specializzati nella cura del diabete, “presenti sul territorio flegreo da oltre vent’anni”.
La manifestazione pubblica si terrà nella sala della biblioteca comunale di Giugliano (Na) e vedrà il coinvolgimento di tutti i sindaci del comprensorio. L’invito a partecipare è stato esteso anche al governatore Vincenzo De Luca (commissario per la Sanità in Campania) ed al consigliere regionale Raffaele Topo (presidente della commissione Sanità della Regione Campania). “Non si possono abbandonare i malati al loro triste destino” spiegano i vertici di FederLab. “Il diabete – si aggiunge – è una malattia cronica e ciò che oggi può non sembrare emergenza, potrebbe esplodere sotto forma di gravi complicanze, da qui a qualche anno, se non si consentirà ai pazienti di sottoporsi alle necessarie cure”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche