domenica 26 Settembre 2021
HomeAttualitàDisabilità. La storia di Francesco e del suo festival: senza fondi e...

Disabilità. La storia di Francesco e del suo festival: senza fondi e con tanto coraggio

NAPOLI. Deve averci pensato tante volte Francesco: «Chissà come sarebbe la mia vita se fosse un film?». Perché la sua è una storia che non si dimentica facilmente.

Se fosse la trama di un film descriverebbe la passione e le difficoltà di chi, nonostante una vita passata su una carrozzella a causa di una grave malattia, riesce a trasformare l’amore per il cinema in un evento di caratura nazionale.
Francesco Tomasiello è un ragazzo di 25 anni che, nel 2008, è riuscito a dare vita all’”ArTelesia Film Festival” con l’intento preciso di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle disabilità e sull’identità di genere. Da allora, per sei anni consecutivi, a Telese Terme nel beneventano (paese d’origine di Francesco) si è tenuta la rassegna totalmente gratuita che ha portato ad avere testimonials come Maurizio Casagrande e Sergio Assisi.
Premiato al Giffoni Film Festival con il cortometraggio “Così su due ruote”, in cui allude alla sua disabilità, Francesco quest’anno si è visto negare i fondi pubblici dalle istituzioni ma non per questo ha deciso di arrendersi, anzi. Grazie ad un team di giovani della provincia di Napoli ha messo su una campagna di crowfunding su piattaforma Indiegogo.com per realizzare il festival tramite le donazioni fatte pervenire via internet. In questo modo, grazie al contributo delle persone che vorranno sostenerlo, Francesco continuerà a realizzare il film che in tanti chiamiamo vita.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Vincenzo Strino
Classe ’86, laureato in Scienze Politiche alla Federico II, iscritto all’ODG come giornalista pubblicista. Ho cominciato a scrivere sul giornalino delle medie a 12 anni e da allora non ho più smesso. Appassionato di comunicazione politica e social media.

Articoli recenti