mercoledì 28 Febbraio 2024
HomeCronaca"Estorsione aggravata dal metodo mafioso", arresti nel clan a S.Anastasia

“Estorsione aggravata dal metodo mafioso”, arresti nel clan a S.Anastasia

SANT’ANASTASIA. Arresti per estorsione in concorso aggravata dal metodo mafioso ieri a Sant’Anastasia, a finire in manette Ciro Perillo detto “O’ cantiniere” ed un’ altra persona sottoposta al regime degli arresti domiciliari.

I carabinieri della Sezione Operativa del N.O.R. della Compagnia di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione all’Ordinanza di custodia cautelare su richiesta della Procura della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia, dall’Ufficio GIP del Tribunale di Napoli nei confronti dei due uomini, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di estorsione(art. 629 c.p.), aggravato dal c.d. “metodo mafioso”(art. 416bis 1 c.p.). Il provvedimento cautelare giunge dopo un’articolata indagine che ha permesso di appurare il ruolo apicale nel clan“Perillo-Panico” (operante nel comune di Sant’Anastasia) di Ciro Perillo, figlio di Gerardo al  vertice del sodalizio criminale. L’indagine ha permesso di documentare il ruolo degli indagati, in relazione ad un episodio estorsivo consumato nel dicembre 2018 a danno di un imprenditore edile che in quel periodo era impegnato nell’esecuzione di alcuni lavori sul territorio anastasiano. La richiesta di denaro (in contanti) ammontava a 2mila euro, il pretesto usato quello di “sostenere i detenuti”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche