lunedì 4 Marzo 2024
HomeCronacaFalsi crediti di imposta, sequestro da 300mila euro per società di ristorazione...

Falsi crediti di imposta, sequestro da 300mila euro per società di ristorazione di Sorrento

Che una società che si occupa di ristorazione avesse dichiarato un credito di imposta per progetti di sviluppo relativi alla demolizione e rottamazione di veicoli e al commercio di accessori e ricambi usati è sembrato troppo strano, ed infatti le indagini della guardia di finanza del Gruppo di Torre Annunziata (agli ordini del colonnello Gennaro Pino) ha portato oggi all’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo per equivalente per l’importo di 295.446,83 euro, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su conforme richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti della Sergio Tofani S.r.l. che ha sede a Sorrento e del legale rappresentante della stessa, indagato per il delitto di indebita compensazione di crediti inesistenti.
A seguito di verifiche fiscali svolte dall’Amministrazione Finanziaria, è stata avviata una mirata attività d’indagine dalla Compagnia della Guardia di Finanza Massa Lubrense che ha permesso di accertare come la società investigata – operante nel settore della ristorazione con somministrazione” avesse indicato nella propria dichiarazione dei redditi per l’anno 2019 un credito d’imposta per *ricerca e sviluppo” derivante da uno studio sul cosiddetto “decision making”, ovvero sui processi decisionali aziendali finalizzati ad individuare la soluzione migliore tra tutte le possibili alternative.
“L’attività istruttoria ha permesso di accertare”, spiega il procuratore di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso, “che la relazione del progetto aveva come oggetto della ricerca obiettivi palesemente non attinenti alla tipologia di attività esercitata dalla società, quali “la possibilità di modificare il processo decisionale del cliente orientato alla demolizione e rottamazione di veicoli, al commercio al dettaglio di accessori e ricambi usati”. Alla luce delle risultanze emerse è stata, pertanto, emessa la misura ablatoria reale nei confronti della società e del rappresentante legale per 1’intero ammontare dei crediti inesistenti – ma indebitamente compensati nelle dichiarazioni relative alle successive annualità 2020 e 2021 – corrispondente al profitto del reato. Nel corso dell’esecuzione delle operazioni è stata sequestrata l’intera somma oggetto del provvedimento cautelare, ponendo il vincolo giudiziario su disponibilità finanziarie per € 22.223,76 e, per la restante parte, pari ad € 273.223,07, su un immobile sito in Sorrento, di proprietà dell’indagato”

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche