mercoledì 17 Aprile 2024
HomeCronacaFatture per operazioni inesistenti, la Finanza sequestra 350mila euro a società

Fatture per operazioni inesistenti, la Finanza sequestra 350mila euro a società

Reati tributari accertati dalle indagini del militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata (agli ordini del colonnello Gennaro Pino) che stamattina hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, per l’importo di 350.600 euro, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura della Repubblica oplontina nei confronti della BACK OFFICE s.r.l., con sede a Pomezia, e dei relativi rappresentanti legali pro tempore, indagati per i delitti di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti e indebita compensazione, ai sensi degli artt. 2 e 10-quater del D. Lgs. n. 74/2000.
“A seguito di pregressa attività di verifica fiscale svolta dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia”, spiega in una nota il procuratore di Torre Annunziata Nunzio Fragliasso, “che, nell’ottobre scorso,

Fatture false e omessa dichiarazione di IVA, la Finanza sequestra quasi 2 milioni e mezzo di € a società

aveva portato all’esecuzione di un decreto di sequestro nei confronti della GRONDAL SOCIETÀ AGRICOLA s.r.l. e del relativo rappresentante legale per C 2.455.078, è emerso che la società destinataria dell’attuale provvedimento, operante nel settore alberghiero, avrebbe:

– al fine di evadere l’imposta sul valore aggiunto, indicato nella dichiarazione del 2019 elementi passivi fittizi pari a 400.000 euro, con un’evasione IVA pari a 88.000 euro
– al fine di evadere le imposte sui redditi, riportato nelle dichiarazioni del 2019, 2020 e 2021 elementi passivi fittizi pari a 80.000 euro, per ciascuna annualità, con un’evasione IRES pari a 57.600 euro;

– utilizzato in compensazione crediti d’imposta inesistenti scaturenti da attività di ricerca; sviluppo mai realmente sostenuta, per un importo complessivo di 205.000 euro. Alla luce delle risultanze emerse, è stata, pertanto, emessa la misura ablatoria reale, anche per equivalente, nei confronti della società su indicata e dei suoi rappresentanti legali pro tempore per l’intero ammontare delle imposte evase, corrispondente al profitto dei reati tributari.Nel corso dell’esecuzione del provvedimento cautelare sono stati finora sottoposti a sequestro immobili, quote societarie, veicoli e conti correnti per un valore complessivo pari a 210.138 euro. Ulteriori disponibilità finanziarie sono in via di quantificazione sui restanti rapporti bancari risultati riconducibili alla società e agli indagati”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche