lunedì 26 Luglio 2021
HomeAttualitàFemminicidio. Idv, presidio davanti tribunale per Pina Di Fraia, uccisa e incendiata...

Femminicidio. Idv, presidio davanti tribunale per Pina Di Fraia, uccisa e incendiata dal marito

NAPOLI. Femminicidio: Italia dei Valori Campania parteciperà al presidio in nome di Pina Di Fraia che si terrà lunedì 7 aprile, dalle ore 10 presso il Tribunale di Napoli. Lo annuncia Caterina Pace, capogruppo Idv al consiglio della Provincia di Napoli.

La capogruppo Pace è, inoltre, componente della segreteria nazionale del partito: “Lunedi 7 aprile – dice – ci sarà l’udienza preliminare contro Vincenzo Carnevale, marito di Pina Di Fraia, l’uomo che l’ha massacrata, incendiandola dopo averla investita. Pina è morta il 14 febbraio, dopo 3 giorni di agonia per le gravi lesioni interne e per le ustioni che le coprivano più del 50% della superficie corporea. Noi, come Idv e come donne aderiamo al Presidio che si terrà fuori al Palazzo di Giustizia di Napoli al Centro Direzionale, perché vogliamo una giustizia che faccia il suo corso e che protegga le figlie e la nipotina di questa donna, a cui il padre ha compromesso il futuro, perché vogliamo dare voce alle donne a cui la voce è stata tolta con violenza, perché vorremmo che episodi come questi non succedessero mai più”.
“Purtroppo, dobbiamo registrare – continua Caterina Pace- che i femminicidi aumentano ed aumenta anche l’età delle vittime e dei carnefici, e non avvengono in condizioni di degrado (21% delle vittime è laureato ed il 53% ha un diploma di scuola superiore) ad indicare che nessuna donna può sentirsi sicura. Ed allora in attesa di una vera politica contro il femminicidio, di una vera legge e di una vera rete, ringraziamo l’associazione Maddalena, le altre associazioni e tutte le istituzioni che con difficoltà lavorano sul territorio e garantiamo la nostra presenza in modo che questo Presidio possa far sentire alta la propria voce. Non lasciamole sole”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti