sabato 4 Febbraio 2023
HomeAppuntamentiFesta del Cinema di Roma, il programma della casa del cinema (13-23...

Festa del Cinema di Roma, il programma della casa del cinema (13-23 ottobre)

FESTA DEL CINEMA DI ROMA
13/23 ottobre 2022
IL PROGRAMMA DELLA CASA DEL CINEMA
Omaggi, restauri e incontri a ingresso libero: fra gli ospiti, Michel Hazanavicius, Marisa
Paredes, Gianni Amelio, Paolo Virzì, Mario Martone, Christian De Sica, Ricky Tognazzi e Barbara
Bouchet
Quindici titoli nella retrospettiva dedicata a Paul Newman e Joanne Woodward: il premio
Oscar® James Ivory introdurrà la proiezione di Mr. & Mrs. Bridge
In programma, una rassegna di dieci documentari in anteprima e cinque folgoranti esordi
cinematografici per la sezione Absolute Beginners
Dal 13 al 23 ottobre, la Festa del Cinema di Roma ospiterà, presso la Casa del Cinema, l’ampio
programma di omaggi, restauri, documentari e incontri della sezione Storia del Cinema. Tutti gli eventi
saranno a ingresso libero con priorità per gli accreditati della manifestazione.
Il programma si aprirà domani, giovedì 13 ottobre alle ore 15.30, con la proiezione di “Treni – Arrivi”,
una raccolta di trenta minuti (la stessa durata dei programmi Lumière) delle più iconiche scene di
“arrivi” della storia del cinema. La proiezione è organizzata in occasione della mostra “La memoria
delle stazioni”, realizzata da Archivio Luce Cinecittà in collaborazione con Fondazione FS Italiane e
curata dalla Presidente di Cinecittà Chiara Sbarigia. A chiusura del programma della Festa, sarà la volta
delle più famose “partenze”.
Alle ore 16.45 si terranno i primi due episodi di The Last Movie Stars diretta da Ethan Hawke, docuserie creata e prodotta da Emily Wachtel insieme a Adam Gibbs e Lisa Long Adler, con Martin Scorsese
nel ruolo di produttore esecutivo: l’epica serie in sei parti celebra Paul Newman e Joanne Woodward,
la loro lunga e appassionata storia d’amore e l’incredibile talento che li ha resi artisti amati in tutto il
mondo. Newman e Woodward, protagonisti dell’immagine ufficiale della diciassettesima edizione della
Festa del Cinema, saranno inoltre al centro di un’ampia retrospettiva di quindici film, a cura di Mario
Sesti. Le opere in programma raccontano sia la loro carriera individuale che l’intreccio di cinema,
amore, recitazione e regia che ha dato vita a pellicole di raffinata costruzione narrativa e di puro
divertimento cinematografico: film che appartengono a quello che sembra un percorso di ricerca
drammaturgica comune a entrambi e altri che sono semplicemente entrati nell’antologia dei classici. Il
primo appuntamento è fissato per domani alle ore 19.30 con A Kiss Before Dying di Gerd Oswald.
Alle ore 21.30, il pubblico potrà assistere al film A Room with a View in omaggio al cinema di James
Ivory, premio alla Carriera della diciassettesima edizione: la Festa proietterà inoltre Mr. & Mrs. Bridge,
introdotto dallo stesso Ivory, Maurice e The Remains of the Day. La Festa ospiterà anche altri omaggi in
onore di alcuni amati protagonisti della settima arte. Jean-Luc Godard, recentemente scomparso, sarà
ricordato con la proiezione di Une Femme mariée, scelto e presentato da Michel Hazanavicius, mentre
Marisa Paredes, membro della Giuria Premio “Ugo Tognazzi” alla Miglior Commedia, sarà omaggiata
con la proiezione di Tacones lejanos di Pedro Almodóvar, introdotto dall’attrice spagnola.
Il programma dei Restauri ospiterà una serie di proiezioni a partire da domenica 16 ottobre. Fra
queste, Dopoguerra 1920 (episodio di Amori di mezzo secolo di Mario Chiari), I magliari di Francesco
Rosi, A noi! di Umberto Paradisi e quelle precedute da incontri: La porta del cielo di Vittorio De Sica,
presentato da Christian De Sica, Il ladro di bambini introdotto dal regista Gianni Amelio, L’anatra
all’arancia di Luciano Salce, che vedrà la presenza di Ricky Tognazzi e Barbara Bouchet, e La Grande
bouffe con Ricky Tognazzi.
Numerosi i documentari in anteprima alla Casa del Cinema a partire da domenica 16 ottobre. Argento
Puro di Matteo Ceccarelli è la storia della produzione e del restauro de La porta del cielo, con la
testimonianza di Christian De Sica, mentre C’era una volta il Cinema Azzurro Scipioni di Lorenzo Negri
racconta vita, morte e rinascita del cinema fondato a Roma negli anni ’80 dal regista Silvano
Agosti. Claudia di Franck Saint-Cast mette in scena una delle più famose interviste della storia del
cinema, quello di Alberto Moravia a Claudia Cardinale; con L’estate di Joe, Liz e Richard, il regista Sergio
Naitza torna sul set sardo di Boom, film di Joseph Losey, con Liz Taylor e Richard Burton, alla ricerca
delle cause del flop al botteghino della pellicola. I magnifici 4 della risata di Mario Canale ricostruisce la
stagione del nostro cinema che decretò l’enorme successo di Roberto Benigni, Francesco Nuti,
Massimo Troisi e Carlo Verdone.
Due film approfondiscono il mistero della morte di Pier Paolo Pasolini secondo ottiche completamente
diverse. Pasolini, cronologia di un delitto politico di Paolo Fiore Angelini ricostruisce, attraverso
testimonianze e materiale d’archivio visivo, la vera vicenda dell’assassinio del grande artista, mentre Il
sogno di una cosa di Leonardo Ferrari Carissimi racconta la teoria del pittore Giuseppe Zigaina sulla
morte del suo amico Pasolini, come esito di un progetto artistico.
Steno di Raffaele Rago è un ritratto a più voci di Stefano Vanzina, in arte Steno, uno dei registi più
prolifici del cinema italiano; I vestiti dei sogni di Luan Amelio omaggia la grande tradizione del costume
cinematografico italiano e lo scomparso Piero Tosi; Virna Lisi – La donna che rinunciò a Hollywood di
Fabrizio Corallo è un viaggio nella vita familiare e nella carriera di Virna Lisi, attraverso brani
d’archivio e interviste inedite.
Alla Casa del Cinema saranno infine proiettati cinque folgoranti esordi di altrettanti registi per la
sezione Absolute Beginners: La bella vita in versione director’s cut, presentato dal regista Paolo
Virzì, Morte di un matematico napoletano, introdotto da Mario Martone, La Dernier combat di Luc
Besson, Little Odessa di James Gray, My Beautiful Laundrette di Stephen Frears.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Saverio Falco
Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)

Articoli recenti