giovedì 29 Settembre 2022
HomeAttualità'A festa da muntagna diventa un progetto nazionale

‘A festa da muntagna diventa un progetto nazionale

SOMMA VESUVIANA. Una tradizione che si rinnova nei secoli e unisce fede e cultura popolare ora diventa un progetto nazionale grazie all’impegno del locale circolo Arci. Progetto che sarà presentato martedì 22 aprile alle ore 18,30 presso il ristorante “Villa La Sorgente” in località Santa Maria a Castello a Somma Vesuviana.

“La festa della Montagna che si svolge a Somma Vesuviana nel maggio 2014”, spiegano i promotori in una nota, “ha come intento quello di far conoscere quanto di più significativo è stato espresso nell’ambito della cultura popolare oggi in Italia. La scelta di Somma come luogo di incontro per una manifestazione di questo genere a noi sembrava molto opportuna: da una parte perché questa città ha sempre rappresentato un punto di riferimento per tutta la cultura e la musica popolare non solo del Sud ma di tutta l’Italia, dall’altra perché i personaggi che la rappresentano hanno sempre trasmesso intere le voci e i modi di essere di una collettività che in essi si ritrova l’unità indissolubile della propria identità … Somma dunque, dove le inquietudini del vivere sono forti, dove magia e cruda realtà si scontrano dando luogo al bisogno inesauribile di comunicare il proprio stato d’animo con il canto. Il nostro compito è quello di ripercorrere a ritroso il sottile sentiero delle memorie, ricercare nel grande grembo della vita passata il senso di quelle musiche e di quei canti, e attraverso questi riaprire all’immaginazione e al sentimento ciò che il tempo sembra voler distruggere”. negli anni etnomusicologi, antropologi, musicisti di ogni parte del mondo sono venuti a Somma per approfondire le loro ricerche ed i loro studi. Una festa che ogni anno coinvolge per giorni Paranze ed associazioni oltre a tanti appassionati di balli e musica popolare che arrivano in città da ogni parte di Italia per prendere parte alle “libere esibizioni”. Sono nati gruppi di musica popolare che girano l’Italia e l’estero per far conoscere la cultura popolare e le tradizioni vesuviane. “Crediamo che il tutto debba avere un futuro, senza dimenticare il passato”, aggiungono i promotori, “ecco perchè il nostro progetto punta a riproporre la Festa della Montagna nel rispetto della sua semplicità e ritualità, riportare sul monte somma, località Santa Maria a Castello, le migliaia di fedeli e visitatori come avveniva un tempo. Riportare all’interno della festa della montagna tutte le iniziative di musica popolare che si svolgono a Somma Vesuviana creando un cartellone unico, dove tutti si sentono attori. Creare seminari e corsi sulla cultura e la musica popolare vesuviana. Riprendere le rassegne di musica popolare con la partecipazione di altri paesi di ogni parte del mondo che vivono sui vulcani e ricostruire un appuntamento annuale. Fare ogni sforzo per mettere in evidenza la nostra “Bella Terra” ricca di tradizioni, cultura, e prodotti enogastronomici. Contribuire allo sviluppo ed alla promozione del Parco Nazionale del Vesuvio, ricercando iniziative rivolte al turismo religioso, verde e culturale”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti