venerdì 17 Settembre 2021
HomePoliticaFurto Centro Liguori, il sindaco: "Attacco alle istituzioni"

Furto Centro Liguori, il sindaco: “Attacco alle istituzioni”

SANT’ANASTASIA. Un brutto colpo per il Centro Polifunzionale Giuseppe Liguori e specialmente per l’Unione Italiana dei Ciechi: sono spariti p.c. ed attrezzature specialistiche.

Del furto ha dato notizia al Sindaco il Presidente dell’UICI, Giuseppe Fornaro, che ha anche affidato ai social un proprio commento: “Quanta povertà morale ci vuole per andare a vandalizzare a scopo di furto gli spazi di un’associazione di disabili della vista. Cosa si sperava di poter rubare di utile in un angolo di società che custodisce quanto più fuori moda può esistere: ausili per disabili della vista, per la loro autonomia personale, per lo studio per le attività di recupero e riabilitazione. Forse la stessa ignoranza ladra, ha fatto pensare che fossero chissà quali diavolerie, per rubare macchine da scrivere che producono solo scrittura braille, orologi che portano puntini a rilievo sul quadrante sveglie parlanti e quant’altro…”.

Ad un primo inventario mancano pc con sintesi vocale e programma di ingrandimento; dattilobraille; sveglie; termometro; un orologio braille, uno in plastica e due portachiavi parlanti; due bastoni; calcolatrici scientifiche, bilancia pesapersone vocale, materiali di laboratorio, oltre ai danni agli armadietti.

“Oltre ad essere un grave atto di inciviltà – dice il Sindaco Lello Abete – è un attacco alle istituzioni che si prodigano tanto a favore delle associazioni che si dedicano ai più deboli. Se poi si tiene conto che lo stabile è stato da poco riqualificato proprio per far in modo che il Centro Liguori, con le associazioni che lo servono, potesse essere più accogliente e vivibile, l’evento ha aspetti ancor più gravi dello stesso furto. A coloro che hanno commesso questo “vandalismo” lancio un messaggio: pensate bene a quello che fate, perché invece di spendere la vostra vita nel fare il male potete valorizzarla facendo del bene”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti