venerdì 14 Giugno 2024
HomeCronacaFurto di pecore contaminate da diossina, l'allarme della Tutela ambientale

Furto di pecore contaminate da diossina, l’allarme della Tutela ambientale

NOLA – Allarme per la scomparsa di un gregge di pecore contaminate dalla diossina : i capi di bestiame, circa 600 ovini, erano in procinto di essere abbattuti.


Il furto è stato denunciato il 3 ottobre scorso presso la stazione dei carabinieri di Cicciano. La notizia è stata diffusa questa mattina dal settore Tutela Ambiente del Comune di Nola, che si è affrettato a diramare i consigli utili per evitare ogni incauto acquisto.
“La scomparsa del bestiame -si sottolinea- costituisce un grave pericolo per la salute pubblica e pertanto si invita la cittadinanza a consumare con cautela qualsiasi prodotto di diretta o derivata provenienza ovina, verificandone le opportune certificazioni”. La preoccupazione che le pecore possano essere normalmente utilizzate per la commercializzazione potrebbe rivelarsi fondata. Quindi i consumatori stiano allerti.

E’ lo stesso Ufficio di Tutela Ambientale a spiegare che “le analisi avevano evidenziato presenza di diossina superiore alla norma nel latte degli animali”. E che un’ ordinanza del sindaco di Nola aveva vietato lo spostamento del gregge dalla località Cianciulli, se non in accordo con le Autorità Sanitarie Regionali”. Seguito dall’ordine di “abbattimento e distruzione di tutti gli ovini da effettuare in accordo con il servizio Veterinario dell’Asl Napoli 4, distretto 73”.

Anna Maria Romano

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche