martedì 20 Febbraio 2024
HomeCronacaGestione illecita di rifiuti speciali, sequestro e denuncia a Striano

Gestione illecita di rifiuti speciali, sequestro e denuncia a Striano

Militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Napoli, nell’ambito della campagna di controlli sul fiume Sarno, congiuntamente a personale ASL NA 3 Sud competente per territorio, in seguito a controllo eseguito presso una società con sede legale a Striano, produttrice di prodotti agricoli e di vendita dei prodotti fitosanitari e fitofarmaci, denunciato in stato di libertà alla competente autorità giudiziaria un 34enne del posto titolare dell’attività, perché ritenuto responsabile del reato di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.
Nello specifico, venivano posti sotto sequestro circa 80 kg di fitofarmaci/fitosanitari scaduti, che erano stati accantonati in un’area dell’esercizio commerciale in violazione alle norme che regolano lo stoccaggio e i tempi per lo smaltimento. Inoltre, veniva accertata la presenza di diverse confezioni di potenti insetticidi con autorizzazione ministeriale revocata o sospesa.
Per lo smaltimento dei prodotti fitosanitari, la legge italiana richiede che i prodotti scaduti o non più utilizzabili siano smaltiti secondo le prescrizioni del Testo Unico Ambientale. Nelle more vanno conservati in un’area dedicata ed identificata come Deposito Fitofarmaci in attesa di smaltimento.
Nel medesimo contesto, il personale ASL NA 3 Sud procedeva ad accertamento riguardante i titoli autorizzativi sanitari della citata società, accertando l’assenza dell’attestato di abilitazione alla vendita.
L’intera area adibita a deposito fitofarmaci/fitosanitari di circa 100 metri quadrati veniva posta sotto sequestro.
Continuano i controlli disposti dal Gruppo Carabinieri Forestale di Napoli su tutta la provincia, anche nel settore dei fitofarmaci e fitosanitari e il loro corretto uso nell’agricoltura, al fine di verificare soprattutto il rispetto delle norme in materia ambientale a tutela della collettività.
Le verifiche vengono effettuate su tutte le possibili fonti di inquinamento idrico, sia esso in falda o nelle acque superficiali.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche