sabato 25 Giugno 2022
HomeNewsGusto Italia in Tour, l'imprenditrice nolana Maria Grazia Galeotafiore tra i protagonisti

Gusto Italia in Tour, l’imprenditrice nolana Maria Grazia Galeotafiore tra i protagonisti

Nola protagonista a Paestum, nella bellissima ed elegante location dell’Ex Tabacchificio di Capaccio per l’iniziativa “Gusto Italia in Tour “, il grande Salone itinerante dell’Enogastronomia, dell’artigianato e del turismo.
Ad animare una delle quattro giornate di studio e di approfondimento, la tavola rotonda incentrata sui “distretti del cibo” a cui ha partecipato anche l’imprenditrice nolana Maria Grazia Galeotafiore, titolare di cinque punti a marchio Conad presenti a Nola, Cimitile, Casamarciano, Liveri ed Avella oltre che di due gallerie commerciali, Hyria Space e Smart Space e di due attività di ristorazione nell’isola di Capri.
Ad introdurre i lavori Rosa Pepe e Massimo Zaccardelli dell’istituto CREA di Pontecagnano e Anna Pina Arcaro dei distretti rurali ed integrati in rete che hanno evidenziato l’importanza di una filiera istituzionale per la salvaguardia e la tutela delle tipicità agro alimentari.
A fare da sfondo tantissime bontà e novità del settore Enogastronomico e dell’Artigianato Artistico con 4 giorni unici per il tour di Gusto Italia che ha ospitato tanti artigiani e produttori di eccellenze del Made in Italy.
“Una grande opportunità per promuovere e riscoprire le tipicità dei prodotti italiani – ha dichiarato Maria Grazia Galeotafiore – una sfida che parte da lontano e che oggi, grazie anche ai progetti di rete su cui stiamo investendo, si appresta a rafforzare il suo appeal in termini turistici e di divulgazione. Investire in questa tipologia di programma è fondamentale se vogliamo salvaguardare, tutelare e preservare i nostri territori. Purtroppo molti prodotti stanno scomparendo dal mercato e ci avviamo verso una cultura contadina sempre più povera se non interveniamo subito con azioni mirate. È questa – aggiunge – la vera sfida che nella grande distribuzione può trovare nuova linfa ma soprattutto quella accessibilità finora negata. Ringrazio Rosa Pepe dell’istituto CREA di Pontecagnano per avermi coinvolta e tutti gli artigiani che, con coraggio, portano avanti il loro percorso”.

Articoli recenti