venerdì 14 Giugno 2024
HomePoliticaIl M5S di Torre Annunziata predica legalità e razzola incompatibilità

Il M5S di Torre Annunziata predica legalità e razzola incompatibilità

In vista delle prossime elezioni comunali, il Movimento 5 Stelle di Torre Annunziata ha sollevato una questione di grande importanza. Il partito ha richiesto alla coalizione di centrosinistra la sottoscrizione di un Patto di Legalità, ma sembra aver dimenticato di verificare l’incompatibilità di alcuni dei propri candidati.

Il MoVimento ha insistito sulla sottoscrizione di un accordo che sembra avere poco o nessun effetto pratico, visto che le liste e i casellari giudiziari sono poi al vaglio della commissione elettorale dei Comuni. Sorprendentemente, poi ha candidato nelle proprie liste una persona che ha ottenuto l’incarico di progettazione esecutiva per i lavori allo stadio, un incarico che secondo l’articolo 63 comma 1 n. 2 Tuoel, prevede una causa di incompatibilità “per i consiglieri comunali che si trovano ad avere parte direttamente o indirettamente in appalti nell’interesse del Comune.”

L’Architetto Salvatore De Rogatis, nonostante abbia ottenuto con il suo studio di architettura l’incarico della progettazione esecutiva dello stadio Giraud, risulta ancora tra i candidati del Movimento seppur, qualora eletto, decadrebbe automaticamente dal suo ruolo di consigliere comunale.

Dopo il ritiro della candidatura di un candidato del M5s per presunte minacce (la commissione parlamentare antimafia sta indagando sull’accaduto?), gli attacchi vandalici alla sede del comitato per Cuccurullo sindaco e a quella del PD, ci chiediamo se fosse stato necessario un patto di legalità tra le forze politiche o sarebbe stato meglio un patto di civiltà tra i politici e i cittadini che avrebbe rasserenato un clima elettorale strumentalmente aizzato per propri tornaconti elettorali.

In attesa delle risposte non ancora pervenute sulla formazione dell’ATS che sta realizzando i lavori allo stadio Giraud e delle risultanze della commissione antimafia, capiremo se l’organo parlamentare ha competenze nel verificare le condizioni previste dall’art. 62 del TuoeL o se a volte basta, se non conoscere bene la normativa, valutare ragioni di opportunità prima di indicare in lista chi ha un palese conflitto di interessi.
La trasparenza e l’integrità sono valori fondamentali in ogni processo democratico e devono essere prima rispettati e poi richiesti.

 

In foto: la bibbia di ogni amministratore comunale e che fu del mio maestro il dott. Vincenzo Pisapia, gentilmente donatomi, alla sua scomparsa, dalle figlie Milly e Adele.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche