martedì 18 Giugno 2024
HomePoliticaIl sindaco: "Presto anche Nola piena di rifiuti per colpa di amministrazioni...

Il sindaco: “Presto anche Nola piena di rifiuti per colpa di amministrazioni incapaci”

NOLA – “Ancora pochi giorni, una settimana al massimo, e anche la città di Nola sarà sommersa dai rifiuti se dal Commissariato di Governo non verranno prese le opportune contromisure”. Il sindaco di Nola, Felice Napolitano, lancia l’allarme sulla possibilità che anche la città di Nola, che sino ad ora è riuscita a proseguire la raccolta dell’immondizia, possa essere interessata dall’emergenza rifiuti. “La nostra città è rimasta una delle poche isole felici della Campania – ha aggiunto il sindaco Napolitano – grazie all’impegno dei cittadini e degli operatori ecologici di Campania Felix (spa pubblica che esegue i servizi ambientali) il servizio di raccolta differenziata ha permesso di garantire una città pulita, raggiungendo, su base annua la percentuale del 36% di differenziazione dei rifiuti”. “Tutti i nostri sforzi, però – ha proseguito il sindaco – rischiano di essere vanificati da politiche regionali incapaci di gestire il ciclo dei rifiuti e di favorire lo sviluppo della raccolta differenziata in tutti i comuni”. “Per questo – ha proseguito Napolitano – credo che per i Comuni dell’area nolana sia, oggi più che mai, necessario raggiungere una autoderminazione nella gestione dei rifiuti”. “Siamo disposti – ha aggiunto Napolitano – a realizzare sul nostro territorio le strutture necessarie a garantire un completo ciclo di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti, a patto, però – ha precisato Napolitano – che i rifiuti provengano solo dai comuni dell’area nolana che già effettuano la raccolta differenziata e che ci si orienti a realizzare impianti di trattamento di ultima generazione”. “Siamo stanchi – ha concluso Napolitano – di accogliere sul nostro territorio i rifiuti di città, spesso amministrate dal centrosinistra, incapaci di svolgere la differenziazione dei rifiuti, e Napoli ne è l’esempio più lampante, che, ciclicamente, mandano in emergenza territori virtuosi come il nostro”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche