sabato 13 Aprile 2024
HomePoliticaIl socialista Carmine Capuano ritira la sua candidatura alla segreteria provinciale

Il socialista Carmine Capuano ritira la sua candidatura alla segreteria provinciale

NAPOLI. Ritiro a sorpresa della candidatura alla segreteria provinciale di Napoli del Psi, di Carmine Capuano. Corsa a due per la segreteria del Psi.

Difficoltà e spaccature, in particolare, che negli ultimi mesi aleggiano nel partito socialista, sarebbero la causa che hanno portato il candidato al ritiro dalla competizione elettorale. 

Colpo di scena a meno di ventiquattro ore dal voto – che si terrà domani mattina – per eleggere il segretario della federazione provinciale di Napoli del Psi, il sindacalista Carmine Capuano ha ritirato la sua candidatura. Inizialmente , in lizza per la presidenza della segreteria c’erano tre competitors: Francesco Mallardo, Michele Tarantino e lo sfidante che alla fine ha deciso di ritirarsi, Carmine Capuano.

Nella giornata di ieri, durante una riunione fiume, andata avanti fino a sera, in vista del congresso del prossimo 25 novembre per eleggere il nuovo segretario, dopo un anno di commissariamento, Capuano ha deciso di ritirarsi, “onde evitare spiacevoli scontri che non avrebbero beneficiato al partito”. Oltre ai tre presentatori delle mozioni, erano presenti il commissario provinciale Enzo Maraio, Antonio Simeone, Serena Guazzo e molti altri iscritti al partito. Le difficoltà e le spaccature, all’interno di esso, sono iniziate dal commissariamento della federazione successivo alla determinazione del direttivo provinciale di non appoggiare il candidato Valeria Valente, date le difficoltà di dialogo che si presentono spesso a livello locale con il Partito Democratico.

Per il sindacalista Carmine Capuano, nonostante gli sforzi del commissario Maraio, che ha cercato di rinnovare il partito, l’opera è stata parziale e poco inclusiva da gran parte del direttivo e della segreteria, quindi per dare un contributo all’unanimità del partito e non provocare ulteriori lacerazioni anche in vista delle prossime importanti elezioni, ha deciso di ritirare la sua candidatura, nonostante  godi il favore di numerosi iscritti. Ciò nonostante – afferma l’ex candidato nella lettera di dimissioni – appoggia la candidatura di Francesco Mallardo. E aggiunge: “Chi come me crede fermamente nel partito socialista e non se ne è mai allontanato, va esclusivamente al bene di tutti, alla crescita ed alla unità della Federazione Provinciale”. A chi lo voleva a capo della segreteria, Capuano spiega: “Non è stata una decisione facile e mi auguro che anche voi potreste apprezzare quantomeno il gesto e le buone intenzioni”.

Naturalmente come deciso  dalla  commissione garanzia provinciale nella seduta del 21 novembre scorso, il congresso si terrà domani, all’unico seggio dell’Hotel Ramada, al corso Gallileo Ferraris dalle 9,30 alle 22 e gli iscritti al partito potranno votare con scrutinio palese, come da regolamento congressuale nazionale. Il candidato Francesco Mallardo che continua a correre per la segreteria, oltre a spiegare i suoi obiettivi, con entusiasmo ci racconta il suo ritorno nel partito: “Ho riaderito da un anno circa al Psi, ma sono stato sempre un socialista convinto e nelle ultime amministrative ho contribuito a redigere liste per vari comuni. Il partito – prosegue – sta crescendo localmente anche grazie all’impegno del sottoscritto e quando mi è stato proposto di candidarmi alla segreteria, dopo un’attenta valutazione, ho accettato per ridare slancio al partito e ricostruire in quelle aree dove il socialismo è scarsamente presente.” Spazio ai giovani ma anche agli ex compagni, l’obiettivo del candidato Mallardo: “Immagino un partito che favorisca l’avvento dei giovani e il ritorno di ex compagni. Oltre i metodi tradizionali come conferenze, riunioni, sarò aperto anche alle nuove tecnologie del web. Rimarrò nella tradizione del Psi – conclude Mallardo – sarò contro le diseguaglianze e sempre favorevole alla meritocrazia, sono temi socialisti che non tramonteranno mai”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche