venerdì 14 Giugno 2024
HomeAttualitàLa protesta delle "bare", Selav: "Nessun passo avanti"

La protesta delle “bare”, Selav: “Nessun passo avanti”

NAPOLI. Protesta delle “bare e delle trombette”, i manifestanti: “Nessun passo avanti”.

Nessun progresso nella vertenza dei lavoratori della Selav. Alle 17 di ieri i sindacati sono stati convocati dall’assessore Monica Buonanno ma “l’incontro non ha segnato alcun progresso”.

“La delegazione della Selav – affermano – si è sentita riproporre le medesime irricevibili proposte ovvero l’assunzione di una piccola parte dei lavoratori. La maggiore perplessità deriva dal fatto che questa Amministrazione dimentica di essere la committente del Servizio e che prima che fosse formalizzato l’affidamento questa stessa Amministrazione aveva dato ampie rassicurazioni”.

“Come è possibile – si chiedono i manifestanti – che adesso questa Amministrazione se ne lavi le mani, nascondendosi dietro la rigidità della Citelum (nuova affidataria) che detta le condizioni? La questione sta diventando sempre più paradossale e queste interlocuzioni sempre più inutili penalizzano sempre più i lavoratori della Selav fermi senza lavoro”.

“Si rischia – concludono – che la protesta diventi veemente, ma davanti a tanto immobilismo non si capisce che cosa altro si possa fare. La Citelum frattanto non è mai stata presente su questi tavoli di confronto con enorme stupore delle rappresentanti sindacali. La politica napoletana deve dare risposte deve farsi garante degli impegni assunti”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche