martedì 28 Maggio 2024
HomeAttualitàL'erede al trono del Regno delle Due Sicilie sarà in visita al...

L’erede al trono del Regno delle Due Sicilie sarà in visita al Real Monte di Napoli

Tornano in visita al Real Monte e Arciconfraternita di San Giuseppe di Vestire i Nudi, in via Giuseppe Marcinelli a Napoli Sua Altezza Reale Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orleans, Duca di Calabria, Conte di Caserta, Excelentísimo Señor e Grande de España, pretendente al trono del Regno delle Due Sicilie e capo della Real Casa Borbone-Due Sicilie, gran maestro dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio, dell’Ordine di San Gennaro e di tutti gli ordini dinastici duo-siciliani, pretendente al trono di Navarra, pretendente al trono di Coprincipe di Andorra, figlio dell’Infante di Spagna Carlo Maria di Borbone (morto nel 2015) e della principessa Anna d’Orleans, e il primogenito, Sua Altezza Reale Don Jaime di Borbone delle Due Sicilie, duca di Noto
La visita, in calendario domenica 21 aprile, alle ore 10.30, cade ad un anno dall’ingresso – avvenuto il 21 aprile 2023 – di Don Jaime come confratello d’onore dell’Arciconfraternita di San Giuseppe di Vestire i Nudi, cui i Borbone partecipano sin dalla fondazione, ad opera di Re Carlo III, nel 1740. I due reali saranno accolti dal presidente della Fondazione, l’avvocato Ugo de Flaviis, con i confratelli e i vertici nazionali del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio. Secondo un rito antichissimo, i reali venereranno la preziosa reliquia del bastone di San Giuseppe, ritenuto essere quello utilizzato dal Santo. Seguirà un concerto con esecuzione della versione originale del 1787 dell’Inno del Re scritto da Giovanni Paisiello su commissione di Re Ferdinando I Delle Due Sicilie, che dal 1816 è l’inno ufficiale dei Borbone. Don Pedro, peraltro, ha decretato la chiesa di San Giuseppe dell’Opera di Vestire i Nudi quale Basilica Magistrale e sede ufficiale napoletana del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.
“A Re Carlo III dobbiamo la nostra fondazione e ispirazione caritatevole e sociale – sottolinea l’avv. Ugo de Flaviis – Sono 284 anni che la Fondazione che presiedo, un tempo Arciconfraternita, opera nella città di Napoli nel solco della generosità borbonica. La fondazione che presiedo è orgogliosa di ricevere in visita per la terza volta S.A.R. Don Pedro e il figlio Don Jaime che accoglieremo con grande gioia e partecipazione”.
La Fondazione di San Giuseppe dell’Opera di vestire i Nudi Fondata nel 1740 da Re Carlo III per assistere i poveri e mendicanti, fedele alle sue origini svolge opere di carità ma è anche un piccolo scrigno di tesori favolosi: vanta infatti una pinacoteca importantissima, con le maggiori firme dell’epoca; manoscritti originali di opere musicali (in maggior parte inedite) dei più celebri esponenti della Scuola Musicale Napoletana; una raccolta di reliquie di primaria importanza, a partire dal bastone di San Giuseppe per arrivare a un prezioso reliquiario in rame dorato con finiture d’argento contenente alcuni frammenti attribuiti alla vera Croce lignea di Gesù.
Il giorno precedente, sabato, nella Basilica di Santa Chiara, Don Pedro presiederà al Pontificale del Sacro Ordine Militare Costantiniano di San Giorgio alla presenza di dame, cavalieri e cappellani italiani e stranieri

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche