martedì 29 Novembre 2022
HomeCronacaMarigliano. Armati rapinano 3 negozi

Marigliano. Armati rapinano 3 negozi

MARIGLIANO. Armati rapinano  tre negozi a distanza di pochi giorni. Il colpo poco prima dell’una. Poco prima che l’esercente chiudesse il negozio per la prima parte della giornata. Quindi la rapina è scattata per avere la certezza che la cassa fosse piena di contante.

Erano in due, i rapinatori si sono coperti il volto con sciarpe e scaldacollo. Uno di loro era armato di pistola. Quest’ultimo, dunque, è entrato nella tabaccheria e puntata la pistola al volto del titolare, un 41enne di Marigliano, gli ha intimato di consegnargli tutti i soldi. Il complice che nel frattempo ha atteso all’esterno ha tenuto sempre acceso il motore dell’auto. Pronto alla fuga. Così è stato: estorti i soldi al commerciante, il delinquente armato è uscito e messo in auto. Via in fretta imboccando delle vie limitrofe per far perdere le loro tracce. Il titolare ha immediatamente sporto denuncia della rapina ai carabinieri della locale stazione. E le indagini, avviate nell’immediato, sembrerebbero già ad una svolta.

Ieri, dunque, un’altra rapina nella cittadina vesuviana. L’ultima in ordine di tempo. E’ di appena venti giorni l’apparente pausa tra una rapina e l’altra. La sera del 5 febbraio scorso, di fatto, furono due i colpi messi a segno in città e a distanza di 10 minuti tra l’uno e l’altro. Corso Vittorio Emanuele e corso Umberto I, due negozi di abbigliamento presi d’assalto da due balordi – e molto probabilmente gli stessi autori in entrambi i negozi dalle descrizioni di alcuni testimoni e dai filmati delle videocamere di sorveglianza. Il venerdì 5 febbraio la prima rapina avvenne alle 19, negozio di abbigliamento sul corso Vittorio Emanuele al civico 37: sono in due a bordo di una vespa Piaggio scura. Quello armato entra e si fa consegnare l’incasso, fuori il complice a motore acceso. Ma dopo il colpo non sono fuggiti subito, alle 19.10 circa quella medesima vespa Piaggio scura con due giovanissimi a bordo è stata vista all’esterno di un altro negozio, un abbigliamento donna questa volta sul corso Umberto I – dov’è avvenuta la rapina al tabacchi ieri mattina. Il copione? Lo stesso: il rapinatore armato ci mette meno di 5 minuti ad estorcere i soldi contenuti nella cassa. Poi monta al volo in sella alla vespa tenuta sempre accesa.

Per fortuna nessun ferito in questi episodi. Ma la scia di rapine continua.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti