martedì 18 Giugno 2024
HomePoliticaMenu di ristoranti, pub, bar tradotti nella lingua dei segni LIS e...

Menu di ristoranti, pub, bar tradotti nella lingua dei segni LIS e in Braille

POMIGLIANO D’ARCO. Menu di ristoranti, pub, bar ed ogni attività legata al «food and beverage» tradotti nella lingua dei segni LIS e nel linguaggio Braille utilizzato da non vedenti e ipovedenti. L’assessore Mattia De Cicco (Politiche Sociali): «Un’azione concreta e una totale adesione alle finalità della Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con disabilità alla quale abbiamo aderito».

Tra pochi mesi Pomigliano d’Arco sarà in grado di fare scuola con una grande lezione di civiltà, prevedendo in quante più attività possibili legate al «food and beverage» menu speciali che possano essere consultati, senza altri ausili, da non vedenti e ipovedenti. Le «carte» di ristoranti, pub, bar, trattorie, saranno realizzate sotto forma di locandine a cura di associazioni del settore. La stampa dei menu sarà finanziata interamente, per volere del sindaco Lello Russo e dell’assessore Mattia De Cicco, dall’assessorato alle politiche sociali del Comune di Pomigliano d’Arco.

«Abbiamo già incontrato le associazioni di categoria dei commercianti e ci siamo confrontati

con molti esercenti – spiega l’assessore De Cicco – siamo tutti concordi nel realizzare questo progetto di grande senso civico, dimostrando una volta di più che la comunità di Pomigliano mette in primo piano le problematiche sociali.

Gli esercenti dovranno fornire i menu – per la traduzione e la stampa – entro e non oltre il 15 febbraio 2016.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche