venerdì 24 Maggio 2024
HomeAppuntamentiMITI DEL CALCIO CONTEMPORANEO RIVIVONO NELLA PITTURA DI FERNANDO MANGONE. I QUADRI...

MITI DEL CALCIO CONTEMPORANEO RIVIVONO NELLA PITTURA DI FERNANDO MANGONE. I QUADRI DEL PITTORE DELLE AREE INTERNE DELLA CAMPANIA PER IL XIII PREMIO “ANDREA FORTUNATO – LO SPORT È VITA”

Dai ritratti di Vialli, Sinisa, Pelè, l’arte per sensibilizzare alla diffusione Passaporto Ematico per gli sportivi. La premiazione al Coni al Roma.

Si è svolto presso il Salone d’Onore del CONI a Roma la XIIIᵃ edizione del Premio “Andrea Fortunato – Lo Sport è Vita”. Il Premio, divenuto uno dei più importanti riconoscimenti nazionali, è organizzato dalla Fondazione Fioravante Polito di Santa Maria di Castellabate (Salerno), promotrice della Biblioteca e del Museo del Calcio Andrea Fortunato.

Ancora una volta l’arte diventa strumento di consapevolezza e di sensibilizzazione, attraverso le esclusive opere d’arte originali realizzate dal Maestro Fernando Mangone. Un artista visionario, “un randagio”, ribelle a qualsiasi tentativo di imbrigliarne la creatività. I suoi dipinti seguono la narrazione dei luoghi dove è stato e dove ha vissuto da nomade: Berlino, Rotterdam, Parigi, Londra, Amsterdam. E ancora Venezia, Milano, Roma, per poi tornare a casa, ad Altavilla Silentina, nel Parco Nazionale del Cilento.

L’obiettivo della Fondazione è rendere obbligatorio il Passaporto Ematico, fondamentale per la prevenzione e la salute degli atleti, intitolato a quattro compianti calciatori: Andrea Fortunato, Piermario Morosini, Flavio Falzetti e Carmelo Imbriani. Il Passaporto Ematico mira a introdurre esami a carattere ematico e cardiaco tra quelli attualmente previsti per ottenere l’idoneità sportiva, proprio al fine di evitare tragedie come quelle che hanno purtroppo colpito i sopracitati calciatori.

Sono state numerose le autorità, tante le personalità dello sport presenti. Tra queste, anche il Presidente del CONI Giovanni Malagò, il Presidente FIGC Gabriele Gravina, il Presidente della Lega B Mauro Balata e, tra i premianti al tavolo delle autorità, anche il Presidente USSI Gianfranco Coppola.

Tra i vari riconoscimenti, c’è stato anche un fuori programma: il Presidente del CONI Malagò ha infatti chiamato sul palco, a ritirare il premio in ricordo di Sinisa Mihajlovic, il commosso giornalista turco, da tanti anni consigliere di Ussi Roma, Dundar Kesapli, a dimostrazione della vicinanza dell’Italia al popolo turco, travolto dal terribile sisma che ha colpito Turchia e Siria.

Quello di Mihajlovic è uno dei tanti volti del calcio prematuramente scomparsi, come Gianluca Vialli, Robert Boggi, Vincenzo Malagò, Mario Sconcerti e Giovanni Vitale, ritratti da Mangone.

Mito e futurismo si incrociano nel genio visivo di Mangone. David Bowie dialoga con Michelangelo, mentre il Sommo Poeta Dante rivive in versioni molto più simili alla pop art. Gli archetipi del mito e il classicismo si scontrano con i miti della contemporaneità, come Diego Armando Maradona e il suo urlo, divenuto un cult, un’opera emblematica dell’artista delle aree interne.

«Provo un’emozione unica nel dar vita a questi quadri per questi grandi della storia del calcio. Le opere sono state realizzate con colori fluorescenti e fosforescenti. La loro vita è un’opera d’arte che li ha resi delle icone indiscusse», esordisce così il pittore Alfonso Mangone.

Oggi, dopo tanti anni di lavoro, di peregrinazioni nel mondo, di sperimentazione, di studio (uscito anche dall’Accademia delle Belle Arti di Firenze con il massimo dei voti), è considerato dai galleristi e critici d’arte, tra cui Daverio, Carini, Sgarbi, un artista straordinario, di derivazione Espressionista, ai massimi livelli.

Un artista completo sia per i risultati raggiunti, sia per il suo modo di intendere e concepire la vita e i rapporti interpersonali che traduce in opere di rara intensità. Fernando Mangone oggi è uno degli artisti più ricercati e collaboratore di importanti enti ed istituzioni di rilievo internazionale tra cui “Greenpeace”, “Amnesty International”, “Stade Kunst”. Negli anni espone a Parigi, Londra, Berlino, Madrid, Roma, Milano dove porta la sua arte nuova, fresca, profonda, emozionante, fatta di colore e fantasia, profondità, frammenti di vita. «Perché l’arte – sostiene Mangone – è un messaggio per ll’umanità”. (Ufficio Stampa: Barbara Landi)

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche