mercoledì 22 Maggio 2024
HomeAttualitàNella casa di Riina una Tenenza della Finanza intitolata all’appuntato Losciuto

Nella casa di Riina una Tenenza della Finanza intitolata all’appuntato Losciuto

Corleone (Palermo). Un luogo simbolo che ogni giorno rappresenta la vittoria dello Stato sulla mafia: la Tenenza della Guardia di Finanza di Corleone che da ieri è stata intitolata alla memoria dell’appuntato Francesco Losciuto, Medaglia di Bronzo al Valor Militare.

Un luogo simbolo dicevamo, poichè la caserma delle fiamme gialle di Corleone è stata inaugurata nel 2005 a seguito della confisca alla criminalità organizzata e la successiva assegnazione alla Finanza. Un immobile, riconducibile al capo di Cosa Nostra Totò Riina, a seguito di una lunga attività d’indagine condotta dal Gruppo Investigativo Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza di Palermo, sotto la direzione del Tribunale di Palermo, fu sottoposto proprio a sequestro preventivo e poi alla confisca.

A dicembre scorso, su un’ulteriore porzione di terreno sempre riconducibile al boss Riina, è stato realizzato – grazie al contributo dell’amministrazione comunale di Corleone – un parcheggio per le autovetture di servizio, attiguo alla caserma. Ieri la cerimonia di intitolazione a Losciuto che si è tenuta alla presenza del Comandante Generale della Guardia di Finanza, generale di corpo d’armata Giuseppe Zafarana, il generale di brigata Domenico Napolitano, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Palermo, il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi e le massime autorità civili e militari della Regione Sicilia e della provincia di Palermo.

Nel corso della manifestazione, dinanzi allo schieramento di una rappresentanza di militari del Corpo, è stata scoperta la targa commemorativa alla presenza di Margherita Losciuto figlia del militare alla cui memoria è stato tributato questo ulteriore riconoscimento.
La cerimonia è stata anche occasione per tracciare un bilancio dell’impegno del Corpo al contrasto alla mafia, evidenziando in particolare l’aspetto dell’aggressione ai patrimoni illecitamente accumulati che, dal 2022 ad oggi, ha permesso all’autorità giudiziaria l’emissione di misure ablative per circa 130 milioni di euro e di proporre il sequestro di beni per ulteriori 150 milioni di euro.
“Per noi è una giornata veramente molto importante”, ha commentato il generale Napolitano, “perché intitoliamo la caserma della tenenza della Guardia di Finanza di Corleone all’appuntato Losciuto, medaglia di bronzo al valor militare. Importante per noi perché rappresenta un simbolo la figura dell’appuntato Losciuto, ma anche la stessa intitolazione di questa caserma che era un edificio riconducibile al boss Totò Riina, rimarca la prevalenza della legalità in maniera molto forte. Intitolarla poi a Losciuto, una nostra medaglia di bronzo ne rafforza il significato simbolico”.

L’appuntato Francesco Losciuto fu insignito della “Medaglia di Bronzo al Valor Militare” con la seguente motivazione: “Accorreva prontamente in aiuto di un agente municipale, che aggredito da una folla ostile correva serio pericolo di morte, riuscendo, dopo una violenta colluttazione e senza servirsi della propria arma, a liberare l’aggredito e a trarre in arresto, con l’aiuto di un compagno,
uno dei più accaniti riottosi che, armato di rivoltella, lo aveva minacciato di morte. Rimaneva, nella colluttazione, lievemente contuso”
Punta Plaia (Catania), 3 maggio 1931.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Dal 2017 è componente della Commissione Pari Opportunità dell'Ordine dei Giornalisti della Campania Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna". Nel 2022 Premio di giornalismo “Francesco Landolfo”

Articoli recenti

Rubriche