lunedì 20 Settembre 2021
HomePoliticaNocerino (Moderati) difende la Barone: "Altre cose sono vergognose in politica"

Nocerino (Moderati) difende la Barone: “Altre cose sono vergognose in politica”

SOMMA VESUVIANA. “Giù le mani dalla consigliera Barone che è stata eletta nella maggioranza, è vero ha avuto un momento di confusione, dovuto forse anche all’inesperienza essendo alla sua prima elezione, ma sicuramente non va messa nel tritacarne mediatico”. A parlare così è Giuseppe Nocerino, capogruppo dei Moderati che difende la posizione assunta dall’esponente della lista Cuore che stamattina è rientrata in maggioranza dopo 5 giorni di “meditazione”.

“Si parla tanto di amministrare, ma non vedo ancora proposte concrete”, dichiara Nocerino, che poi fa riferimento ai vari commenti pubblicati sul nostro giornale nel pomeriggio riguardo la scelta repentina della consigliera, “Peppe Auriemma fa appello alle parti sociali e dove stanno le proposte? Lo chiedo soprattutto a quei consiglieri che sono passati dalla maggioranza all’opposizione, Vittorio De Filippo, Nunzio Iorio e Antonio Mocerino, parlo di loro perchè certo non possiamo rivolgerci a Forza Italia o al Pd perché a questo punto dovremmo rivedere il nostro programma di governo. Dovremmo indignarci per le scelte fatte da quei tre consiglieri che sono usciti alla maggioranza senza dare delle motivazioni precise, non certo per quella della consigliera Barone che si, forse ha sbagliato i modi, ma si è trovata a discutere una cosa che era tutta interna ad una forza politica, quella in cui è stata eletta. A riprova di questo ci sono le lettere che si sono scambiati i tre consiglieri della lista Noi Sud/Lista Cuore. Inizialmente come maggioranza non ci siamo esposti su questo argomento, poi invece abbiamo valutato la situazione ed abbiamo capito e compreso il ragionamento portato avanti dalla Barone che non è certo ragionamento di potere né tantomeno di ricatto, moralità, dignità. Leggo la parola arte riferita alla politica, io penso sia adeguato pensare a capacità. Se si è capaci si è, di conseguenza spesso, anche onesti”. Ma per Nocerino nella scelta lampo della consigliera non c’è nulla di eticamente scorretto, per lui l’attenzione va spostata in chi ha firmato una mozione di sfiducia su una cosa che è stata già risolta. “Si parla della mozione sul cimitero”, aggiunge l’esponente dei Moderati, “Quell’atto è stato annullato, la vicenda risolta e loro perchè non sono tornati indietro? Ripeto, considero più grave chi dalla maggioranza è passato all’opposizione senza motivo, nessun fatto specifico, ma su questioni di poltrone o cose che non gli sono state concesse. Le occasioni di rivedere le posizioni ci sono tutte, anche io ad ottobre scorso ho espresso la mia posizione critica rispetto alla maggioranza, ma non mi sono mai dichiarato fuori. Da allora molte cose sono state riviste e ora sono sicuro che possiamo portare avanti il nostro programma elettorale. Tra poco col bilancio di previsione ci saranno tanti progetti importanti, e scadranno tra qualche mese anche contratti determinanti per l’Ente, come quello dell’Ecologia e la Tesoreria, capisco il nervosismo da parte di chi quei contratti li ha stipulati in passato e vorrebbe tornare a farlo, ma non gli è possibile noi stiamo lavorando in favore dei cittadini. Ieri in giunta è stato approvato il Piano Anticorruzione e la rotazione dei dirigenti e un nuovo dirigente sta arrivando ‘a scavalco’ da un altro Ente, il cambio in giunta è stato fatto, se positivo o negativo questa è una cosa ancora da valutare, abbiamo anche sistemato la questione della legittimità rispetto alle quote rosa anzi siamo andati oltre con la presenza femminile. Allora mi chiedo, visto che tanti obiettivi sono stati raggiunti, perché quei tre consiglieri abbiano lasciato la maggioranza”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Gabriella Bellini
Gabriella Bellini è nata a Tropea (VV), giornalista professionista dal 2003, ha cominciato a lavorare nel 1994 nella redazione giornalistica di Televideo Somma, ha collaborato con Tele Oggi, Il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno (dorso campano del Corriere della Sera), Cronaca Vera, Retenews, è stata redattore del settimanale Metropolis (poi diventato quotidiano) e di Cronache di Napoli. Ha condotto un programma di informazione e approfondimento su Radio Antenna Uno. Nel febbraio 2007 ha creato con altri colleghi il sito web laprovinciaonline.info di cui è il direttore. Nel 2009 ha ottenuto il prestigioso riconoscimento all’Impegno Civile del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, destinato ad un giovane cronista che si “sia distinto nel suo lavoro sul tema della diffusione della Cultura della Legalità” ottenendo così il premio nazionale “Per la Cultura della Legalità e per la Sicurezza dei Cittadini”. Nel 2012 il Premio internazionale Città di Mariglianella “Gallo d’Oro” per i “numerosi reportage sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2013 il premio “Città di Saviano, giornata per la legalità” per “L'impegno profuso a favore della promozione e diffusione dei valori della legalità". Nel 2015 menzione speciale “L’ambasciatore del sorriso” per “L’instancabile attività di reporter, votata a fotografare con sagacia le molteplici sfaccettature della nostra società”. Nel 2016 il Premio “Antonio Seraponte” con la seguente motivazione “Giornalista professionista sempre presente e puntuale nel raccontare i fatti politici e di cronaca. In poco più di un decennio a suon di bravura ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti per essersi distinta su temi importanti come la diffusione della cultura della legalità, della sicurezza dei cittadini e per l’impegno sui temi della povertà e dell’emarginazione”. Nel 2019 il premio Napoli Cultural Classic "Donna straordinaria, esponente della stampa locale che attraverso la sua autentica e graffiante penna racconta il nostro territorio anche fuori dai confini. Sempre attenta alla realtà politico-sociale che analizza con puntualità e chiarezza, riesce a coniugare la divulgazione al grande pubblico con l'obiettività suggerita dalla grande esperienza umana che l'accompagna".

Articoli recenti