mercoledì 18 Maggio 2022
HomeCronacaOmicidio Liguori-Tafuro, la corte d'assise d'appello conferma l'ergastolo per il mandante

Omicidio Liguori-Tafuro, la corte d’assise d’appello conferma l’ergastolo per il mandante

Soddisfatti della decisione dei giudici della corte di assise d’appello, gli avvocati Erasmo Fuschillo e Felice Iovino, legali della famiglia Tafuro. Dello stesso avviso anche Antonio Tafuro, il padre di una delle vittime: “Ci auguravamo solo giustizia per nostro figlio, ed è stata fatta giustizia“.

La terza sezione penale della corte d’assise d’appello di Napoli ha confermato la pena dell’ergastolo con isolamento diurno per anni due nei confronti di Eugenio D’Atri, ritenuto essere il mandante del duplice omicidio di Francesco Tafuro e Domenico Liguori, i due gestori del centro scommesse di via San Sossio a Somma Vesuviana, barbaramente uccisi a Saviano il 15 febbraio del 2016 per aver ‘osato’ chiedere al ras D’Atri, ritenuto vicino al clan Cuccaro di Barra, di saldare alcune scommesse di gioco.

Oltre all’ergastolo, su richiesta del p.m. Scarfò, la corte ha anche confermato l’interdizione dai pubblici uffici per tutta la durata dell’espiazione della pena, la condanna al pagamento delle spese processuali e al risarcimento dei danni in favore delle costituite parti civile: Liguori Salvatore, Liguori Aurora Assunta, D’Avino Antonietta, Meo Annunziata, Tafuro Antonio, Tafuro Giovanni, Tafuro Lucia e Tafuro Lucia, da liquidarsi in separato giudizio.

Fino alla fine Eugenio D’Atri aveva cercato in tutti i modi di scaricare le proprie responsabilità su Nicola Zucaro, l’esecutore della sentenza di morte, già condannato nel luglio 2018 alla pena dell’ergastolo.

L’omicidio

Tafuro e Liguori, due bravi ragazzi, gestivano un centro scommesse a Somma Vesuviana. Le vittime hanno avuto la sfortuna di incontrare sulla loro strada Eugenio D’Atri, esponente del clan Cuccaro di Ponticelli/Barra, che viveva poco lontano dal centro scommesse. I due ragazzi avevano anticipato una somma che D’Atri aveva perduto in scommesse. Circa 25.000 euro. Incalzato da Tafuro e Liguori per la restituzione della somma di denaro, il ras – secondo la ricostruzione della tesi accusatoria – avrebbe deciso di sbarazzarsi di loro.

Con l’inganno le vittime furono attirate in via Olivella a Saviano, dove furono trucidate con numerosi colpi di arma da fuoco. Era il 16 febbraio 2016. Al duplice omicidio presero parte anche Domenico Altieri (pentitosi in seguiro all’arresto) e Nicola Zucaro, vero e proprio killer. Alteri e Zucaro scelsero di essere processati con il rito abbreviato e già stanno scontando la loro pena (sentenza luglio 2017, Alteri 12 anni di reclusione e per Zucaro l’ergastolo).
Secondo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Altieri, D’Atri e Zucaro avevano pianificato già da tempo l’omicidio. Prima del verdetto Zucaro rese una dichiarazione spontanea con la quale confessò il duplice omicidio: «Ho ucciso io quei ragazzi. Ho sbagliato e chiedo perdono. Voglio pagare la mia pena, ma non per tutto il resto della mia vita».
Saverio Falco
Giovane studente, intraprendente, ricco di fantasia, creativo e gioioso. E' veramente un piacere avere tra noi autori, scrittori, giornalisti, filosofi, ma soprattutto ragazzi come quello odierno: un'anima che ama la cultura in tutte le sue sfaccettature, che trasmette un pensiero legato all'amore puro, dai sentimenti profondi. Nel 2012 fa il suo battesimo con la carta stampata, rivelando all'attenzione di noialtri lo spirito polivalente dell'esistenza. (A cura del poeta GIANNI IANUALE)

Articoli recenti