lunedì 26 Settembre 2022
HomeCronacaPaura a scuola, tentano di rapire un bambino

Paura a scuola, tentano di rapire un bambino

CASALNUOVO. Attimi di terrore  questa mattina all’Istituto comprensivo Ragazzi D’Europa, lungo il Corso Umberto I, di Casalnuovo. Alcuni malviventi hanno cercato di rapire un bambino che stava per entrare a scuola.

Il piccolo ha, però, avuto la prontezza d’animo di riusce a sottrarsi alle grinfie dei bruti e di rifugiarsi all’interno di un negozio, da dove sono state allertate le forze dell’ordine.

Sul posto, per ricostruire quanto accaduto,sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna con i colleghi delle locale tenenza. Il bimbo era visibilmente sotto choc ed è stato portato all’ospedale. Appena il minore sarà in condizioni di parlare, sarà ascoltato con le cautele del caso dagli inquirenti per chiarire l’intera vicenda.

Dalle prime testimonianze rese dal bambino alle persone presenti nel supermercato dove ha trovato rifugio, sembra che il piccolo sia stato avvicinato da alcune persone che lo avrebbero invitato a salire a bordo dell’auto. A quel punto, terrorizzato, il bimbo è corso via urlando e in lacrime. In pochissimi minuti sul posto si sono concentrate decine di persone, mamme  in particolare, ancora nei pressi della scuola per accompagnare i propri figli.

L’auto con a bordo i misteriosi rapinatori del minore è sparita, sebbene restano al vaglio dei militari dell’Arma le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza di alcune e attività commerciali presenti nella zona. Un fatto allarmante, che ha gettato panico nella cittadina che è ripiomabata nella paura del “furgone bianco”, che qualche anno fa, a seguito della denuncia di un genitore, si appostava in prossimità di scuole e nelle aree centrali di aggregazione,e, tentava di adescare minori convincendoli a seguirlo nel furgone.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti