lunedì 27 Maggio 2024
HomeArte & CulturaPietro Condorelli presenta a Napoli il suo nuovo album “NATIVE LANGUAGE”

Pietro Condorelli presenta a Napoli il suo nuovo album “NATIVE LANGUAGE”

Giovedì 2 maggio 2024, nella Sala Martucci del “Conservatorio San Pietro a Majella” di Napoli, il chitarrista jazz Pietro Condorelli presenterà al pubblico il suo nuovo album, “NATIVE LANGUAGE”. Condorelli sarà accompagnato dai componenti del trio con cui ha lavorato per la realizzazione dell’album, il “Pietro Condorelli Native Language Trio”, che vede Antonio Napolitano al contrabbasso e Raffaele Natale alla batteria. L’album è già disponibile sulle principali piattaforme digitali (Apple Music, Spotify, Amazon Music), su Youtube e nei negozi di dischi su cd e da oggi anche in vinile.

L’album “Native Language” comprende 8 versioni rivisitate di storici standard jazz e un brano originale che dà il nome al disco, “Native Language”, composto da Pietro Condorelli.

Condorelli ha uno stile unico, inconfondibile. Il suo è un linguaggio musicale che suona nuovo e familiare allo stesso tempo, che affonda le radici nella tradizione jazzistica sedimentatasi nel secolo scorso ma che è proiettato al futuro, in un lavoro costante fatto di studio, ricerca e sperimentazione.

Con un percorso musicale che lo ha portato dalla natia Italia a diversi palcoscenici internazionali, Condorelli si è affermato come figura di spicco della scena jazz contemporanea. Nel corso dei suoi 40 anni di carriera ha collaborato nella didattica con giganti del jazz come Joe Diorio, Mike Stern, Jim Hall e Mick Goodrick, ha insegnato 15 anni a Siena Jazz e dal 2000 è docente di Chitarra Jazz al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.

“La pubblicazione di Native Language – spiega lo stesso musicista – risponde all’esigenza di tornare a trasmettere ad un vasto pubblico di appassionati di Jazz le mie scelte musicali e la mia attuale predilezione per il mainstream jazz.”

“Pietro Condorelli – scrive di lui il chitarrista e docente Giacinto Piracci nella nota di copertina di “Native Language” – non è un semplice stilista molto preparato nel suo campo. La profondità della sua ricerca nel linguaggio jazzistico si scorge nei piccoli e preziosi dettagli in cui risiede gran parte del pregio di questa forma d’arte.”

Le registrazioni e il missaggio sono opera di Gustavo Sciano, che ha lavorato al Vessel Recording Studio di San Nicola la Strada. La sola “I can’t get started” è stata registrata da Benny Salomone al Piana Lab. Le grafiche sono di Nicola Di Caprio, mentre l’immagine di copertina è l’opera “Labirinto” dell’artista Salvatore Ravo.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche