venerdì 14 Maggio 2021
HomeAppuntamenti"Pillow Fight" 2014, l'allegra battaglia coi cuscini approda a Napoli

“Pillow Fight” 2014, l’allegra battaglia coi cuscini approda a Napoli

NAPOLI. “Pillow Fight” 2014, l’allegra battaglia coi cuscini approda per la prima volta a Napoli.

Ieri, per la prima volta nel cuore del centro storico, a Piazza del Gesù, è approdata l’allegra battaglia antistress del “Pillow Fight” ossia la “lotta con i cuscini”. L’idea è stata presa in prestito dagli studenti della Columbia University, i quali per liberarsi dallo stress preesame si armavano di cuscini, non per dormire, ma per colpire in maniera soffice e non violenta chiunque vi fosse accanto, nel divertimento più assoluto. L’evento di Napoli è stato organizzato dai ragazzi di “Erasmusland”, associazione formata da ex studenti dell’ Erasmus che non solo aiutano ad orientarsi ed integrarsi  i ragazzi stranieri che vengono a studiare nei nostri atenei, ma organizzano anche eventi come questi, per portare a Napoli un po’ della loro esperienza fatta all’estero, affiancando così alle ormai note tradizioni partenopee anche appuntamenti innovativi e non stereotipati. E così, in un’ epoca in cui si sente parlare quotidianamente di guerriglie e lotte come sinonimi di battaglie, purtroppo con scenari e conseguenze raccapriccianti, talvolta, come eccezione alla regola, si può utilizzare il termine “battaglia” accostato all’aggettivo “allegra” nel maniera in cui tutti vorremo sentirne parlare, rendendo così un’evento d’importazione americana un momento di puro divertimento che ha coinvolto non solo gli studenti universitari ma chiunque “armato di cuscino” ha voluto scaricare qualsiasi forma di stress. Un vero e proprio successo per l’iniziativa, che ieri in piazza ha visto la partecipazione di tantissimi ragazzi, che a suon di musica hanno lottato a colpi di cuscini, divertendosi e attirando i passanti incuriositi. La simpatica guerriglia, si è conclusa nel migliore dei modi: decretando vincitori tutti quelli che hanno partecipato uscendone allegri e sorridenti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti