venerdì 14 Giugno 2024
HomePoliticaPoggiomarino, in un bene confiscato alla camorra nasce il centro polifunzionale per...

Poggiomarino, in un bene confiscato alla camorra nasce il centro polifunzionale per i servizi alla Famiglia

Poggiomarino. Pubblicato il bando per la gara d’appalto per i lavori di realizzazione di un centro polifunzionale destinato a servizio istituzionali e sociali. Un grande progetto pensato e promesso durante la campagna elettorale passata la cui realizzazione, per ora su carta, aiuterà a cambiare totalmente il volto di Poggiomarino.

 

Il Centro polifunzionale punta ad essere fiore all’occhiello per l’amministrazione Falanga, anche solo per il significato sociale che gli si attribuisce. Il progetto, sarà, infatti, realizzato nel più grande bene confiscato alla camorra su territorio di Poggiomarino, in via Alessandro Manzoni.

 

“È un progetto più volte anticipato ai cittadini per spiegare loro i motivi della bonifica dell’area, adesso ci siamo, un sogno che sta per diventare realtà. Il centro significa tanto per l’amministrazione tutta e per il mio settore dei Lavori Pubblici. Nulla è impossibile, se lo si vuole davvero. La scelta di offrire servizi ai cittadini laddove “viveva” la malavita è indicativo di quanto il bene possa vincere sul male” afferma il vicesindaco Luigi Belcuore, con delega ai Lavori Pubblici.

 

Il Centro polifunzionale vuole essere punto di riferimento per i Servizi alla Famiglia ed in merito l’assessora con delega alle Politiche della Famiglia, Rachele Sorrentino, ha rimarcato la disponibilità dell’intera amministrazione ai bisogni della Famiglia: “l’attenzione alle Politiche della Famiglia significa attenzione ai minori, alla formazione, alla gestione ed al sostegno alla genitorialità. E pertanto l’amministrazione comunale continuerà ad investire per dare priorità a tematiche sociali su cui si fonda una comunità” ha spiegato Sorrentino dichiarando soddisfazione per l’avvio del progetto, “da assessora alle Politiche della Famiglia sono ben contenta che il progetto sia andato in porto e che avremo i fondi per la realizzazione del centro per servizi alla Famiglia, un obiettivo perseguito dall’ intera amministrazione Falanga”.

 

Entusiasmo ed orgoglio per il primo cittadino Maurizio Falanga che sin dalle prime ore del suo mandato aveva dettato delle linee guida di operato bene precise sulla rivoluzione in merito ai beni confiscati alla camorra:

“Restituiremo ai cittadini una zona che prima apparteneva alla camorra e lo faremo come meritano i poggiomarinesi, lavorando per uno spazio dedicato a loro” conclude Falanga.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche