lunedì 4 Marzo 2024
HomeCronacaProblema sicurezza nella provincia di Napoli, Auriemma (M5S): "Da Governo solo propaganda...

Problema sicurezza nella provincia di Napoli, Auriemma (M5S): “Da Governo solo propaganda e nessuna soluzione”

Napoli. “Questi (in foto) sono alcuni degli episodi di criminalità accaduti nel 2023 e nei primi giorni del 2024 sui territori appartenenti alla provincia a Nord di Napoli e che avvengono, ancora oggi, in maniera sempre più frequente. Da questo governo di centro-destra, che da anni fa propaganda sul tema della sicurezza sbandierando ricette risolutive al problema, ci saremmo aspettati provvedimenti per rendere le nostre città più sicure ed invece non è stato fatto praticamente nulla. Anche l’intervento scenico su Caivano, in cui si sono visti schierati circa 300 unità di forze di polizia, si è trasformato in mera propaganda per questo Governo. Nei territori a meno di un chilometro da Caivano si spara e si spaccia tutti i giorni. Le organizzazioni criminali lavorano, trafficano e prolificano la propria attività radicandosi sempre di più nelle città, nei paesi e nelle periferie.
Per queste ragioni ho presentato un emendamento alla manovra di bilancio per potenziare il personale dei presidi di polizia presenti sui territori. Emendamento bocciato da questo governo. Quindi possiamo largamente affermare che anche sul tema della sicurezza, la Meloni e il suo governo, hanno per anni preso in giro gli italiani con promesse che, come abbiamo potuto constatare, non sono stati capaci di mantenere”, le parole della deputata del Movimento 5 Stelle, Carmela Auriemma.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "ALLARME SICUREZZA CORRIERE DEL MEZZOGIORNO Acerra, usura ed estorsioni: sette arresti nei due clan alleati per il controllo del territorio laprovın aonline Droga, armi racket. 16 arresti di camorra tra Somma, S.Anastasia Cercola 24 ORE Camorra, guerra fra clan a Casalnuovo: 2 arresti ILÎMATTINO Racket a Pomigliano, arrestati quattro esattori del clan Mazzarella IL&MATTINO cerra, spari ai funerali, preso figlio del boss: «Dovevo colpire l'infame alla testa laprovin(aonline Pomiglian una scuola e sparano scavalcano il cancello NON ESISTE SOLO CAIVANO"

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche