mercoledì 8 Dicembre 2021
HomeItaliaProva preselettiva per il TFA, esposto dei partecipanti: "Troppe anomalie"

Prova preselettiva per il TFA, esposto dei partecipanti: “Troppe anomalie”

Roma. Pubblichiamo di seguito l’esposto che sarà presentato alle autorità competenti e al rettore dell’Unicamillus- Università Medica Internazionale di Roma da molti dei partecipanti alla prova preselettiva per il TFA, scuola secondaria di II grado.

Oggetto: segnalazione anomalie prova preselettiva per il TFA, scuola secondaria di II grado

In data 30.09.2021, si è tenuta presso l’Università UniCamillus di Roma la prova preselettiva per il corso di specializzazione TFA sostegno per la scuola secondaria di secondo grado.
Prova, la cui gestione è stata affidata alla società esterna Selexi srl.
Dopo un’attesa di ben 19 giorni (un tempo lunghissimo se si pensa che le altre Università hanno comunicato i risultati dopo sole 48 ore), l’Unicamillus ha pubblicato la graduatoria: su un totale di 1519 candidati, ben 599, vale a dire il 40% circa, sono stati ammessi alla prova scritta con il voto di 30/30.
Dal momento che il bando dispone l’ammissione alla prova scritta di un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili, nel caso dell’Unicamillus questo numero era 500.
Voto massimo 30, voto minimo 30, quindi.
Il resto? Tutti fuori, anche i 149 candidati che avevano conquistato il voto di 29.5/30.
Unico caso in Italia, anche rispetto ad Università, in cui è stato somministrato il medesimo test al triplo dei candidati.
Basta analizzare i dati: al Suor Orsola Benincasa, voto massimo 29, minimo 22,5; al Foro Italico un solo 30, voto minimo di 21,50; all’Europea voto massimo 28 e voto minimo 19; alla Lumsa si parte da 28,50 fino a 17; a Tor Vergata il voto massimo è stato di 27 fino a 20,50; a Roma Tre si va dal 28,50 fino al 20; alla Unint da 26,50 a 13,50.
È chiaro che le anomalie risultano palesi e gravissime.
La stessa Unicamillus non ha potuto esimersi dal constatarlo in una nota, in cui comunica di aver presentato un esposto alle autorità competenti per accertare eventuali illiceità dei risultati, i quali sono statisticamente anomali.
Quanto accaduto getta una pesante ombra sull’ Unicamillus, che al suo esordio nell’organizzazione del TFA Sostegno si è già distinta per questa situazione a dir poco anomala ed eclatante e che a livello mediatico sta destando scalpore ed indignazione.
Tanto premesso, si invita l’Ateneo Unicamillus in persona del Magnifico Rettore a prendere tutti gli opportuni provvedimenti, per far luce sulla vicenda e per tutelare i diritti di quanti sono stati esclusi in virtù di una prova chiaramente anomala e dai risultati obiettivamente non realistici, o con la ripetizione del test preselettivo o, in alternativa, con l’ammissione alla prova scritta di tutti i candidati, dandoci almeno l’opportunità di partecipare alla selezione.
Vi significo che, in mancanza, procederò per le vie legali al fine di tutelare i miei diritti.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti