lunedì 20 Settembre 2021
HomeCronacaReperti di Pompei in vendita su eBay: "Volevo l'iPhone 6"

Reperti di Pompei in vendita su eBay: “Volevo l’iPhone 6”

POMPEI. Reperti di Pompei trafugati dagli scavi sarebbero stati messi in vendita su eBay: “Volevo l’iPhone 6”. Così ha, infine, esordito alla vigilanza un turista olandese di 16 anni in visita agli scavi di Pompei insieme alla mamma.

Per fortuna l’ennesimo tentativo di trafugare  anche piccoli reperti del sito archeologico di Pompei è stato sventato. L’ultimo episodio in ordine di tempo è avvenuto in mattinata, quando un adolescente in visita con la mamma, di origini olandesi ma residenti in Germania, dopo una serie di escursioni nella zona di Napoli e del Vesuvio avevano fatto tappa alla città sepolta di Pompei. Pagano il biglietto all’ingresso e poi, stando al racconto fornito dal 16enne, madre e figlio si sarebbero separati per fare delle foto all’interno del sito archeologico.

Peccato che il ragazzino oltre alla curiosità di portarsi a casa scatti della mitica città ai piedi del Vesuvio si sia lasciato tentare anche dal portarsene illecitamente addirittura un intero pezzo. Credendo così di non essere visto da nessuno degli addetti alla vigilanza, il ragazzino ha staccato alcuni frammenti di una tegola e buona parte di un’anfora all’interno di una delle Domus di via dell’Abbondanza e se li è nascosti nel grosso zaino che portava in spalla recandosi all’uscita. Per fortuna l’intera scena è stata notata da un altro turista straniero che ha smascherato il ladruncolo informando i custodi e i carabinieri in forze proprio all’interno degli scavi archeologici di Pompei. Sono intervenuti di lì a poco i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata che hanno, infine, denunciato in stato di libertà il 16enne per furto aggravato dei preziosi reperti. Quando gli hanno chiesto il motivo del suo gesto il ragazzino avrebbe risposto che l’avrebbe messo all’asta online per potersi acquistare l’ultimo nato in casa Apple, l’iPhone 6 presto in arrivo anche in Italia. I reperti sono stati restituiti alla Soprintendenza che dovrà ricollocarli laddove sono stati trafugati, mentre il ragazzo è stato riaffidato ai genitori che si sono detti dispiaciuti e all’oscuro del gesto del proprio figlio.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti