giovedì 20 Giugno 2024
HomePoliticaRilancio di Castellammare e Torre Annunziata, il ministro Fitto incontra...

Rilancio di Castellammare e Torre Annunziata, il ministro Fitto incontra Alfano e D’Apuzzo

Il ministro Raffaele Fitto ha incontrato i candidati sindaco Carmine Alfano e Mario D’Apuzzo per discutere delle emergenze di Torre Annunziata e Castellammare di Stabia. L’incontro è avvenuto presso Marina di Stabia alla presenza dell’onorevole Annarita Patriarca, impegnata in prima linea per il rilancio dei due Comuni.

E’ stata una serata produttiva, durante la quale il ministro ha illustrato ai candidati le opportunità imperdibili che dovranno essere sfruttate dalle prossime amministrazioni comunali. Oltre alle questioni per gli «Affari Europei», Raffaele Fitto è consapevole delle emergenze del Sud, dunque della Campania e dell’area metropolitana di Napoli, ma è anche convinto delle immense opportunità legate da un lato alle nuove Politiche di Coesione e dall’altro ai fondi del Piano di resistenza e resilienza (Pnrr). Ai due candidati a sindaco, il ministro ha rinnovato il pieno sostegno del governo, come del resto ha già fatto pubblicamente il ministro Antonio Tajani in due occasioni.

In quanto alle Politiche di Coesione è imminente la firma con la Regione Campania, per i fondi Pnrr non ci saranno tagli.

Come già ribadito in occasione di incontri pubblici, Raffaele Fitto ha chiesto alle future amministrazioni coraggio, celerità e pragmatismo: «Bisogna mettere da parte le lamentazioni, e il Sud deve giocare all’attacco. Dobbiamo porci il problema di spendere le risorse che ci sono e di come le spendiamo, con una visione strategica e non in tanti piccoli investimenti, evitando la polverizzazione della spesa». Torre Annunziata e Castellammare di Stabia possono e devono giocare un ruolo determinante nello sviluppo della fascia di costa metropolitana, ma perché ciò accada «bisogna avere una visione prospettica e capire che le questioni sulle quali cerchiamo di dare delle risposte riguardano i prossimi 10-15 anni. Dobbiamo avere la capacità di proiettarci in avanti per dare un ruolo alle nostre città e al nostro Paese e ritagliare un protagonismo vero per il territorio. In questo il libro bianco di ‘Verso Sud’ va nella giusta direzione, con un approccio ottimistico lontano dalle lamentazioni».

Carmine Alfano, così come aveva già chiesto al ministro Tajani, ha chiesto attenzione da parte del governo. «Noi faremo la nostra parte con coraggio e determinazione, perseguendo le linee programmatiche che abbiamo tracciato per la rinascita del nostro territorio, ma è necessario avere una corsia preferenziale perché questa è una terra complicata, nella quale le emergenze sociali, economiche ed urbanistiche rappresentano una bomba ad orologeria pronta ad esplodere. Per anni, questa terra è stata abbandonata a se stessa, sono fallite tutte le strategie di rilancio, spesso per le responsabilità del Pd colpevole di aver fallito ogni piano di programmazione nonostante la continuità di governo. E’ arrivato il tempo del cambiamento, noi saremo in prima linea e speriamo di avere accanto tutte le forze del governo centrale».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche