mercoledì 22 Maggio 2024
HomePoliticaRinascita chiuderà la campagna elettorale in Piazza Primavera

Rinascita chiuderà la campagna elettorale in Piazza Primavera

Pomigliano d’Arco. «Rinascita è un gruppo vincente e lo è proprio perché ragiona da squadra» Il pronostico arriva da Raffaele Di Pasquale, classe 1955 professore, allenatore di calcio e tra i capilista di Rinascita. Ci sarà anche il suo intervento durante il “Comizio di Chiusura della Campagna Elettorale”, in programma venerdì 12 maggio a partire dalle 19 in Piazza Giovanni Leone, per tutti Piazza Primavera. Con lui ci saranno gli altri due capilista il consigliere uscente Antonio Avilio e la segretaria di Rinascita Carla Mercogliano. Verrà a portare il suo contributo a Rinascita anche Nicola Fratoianni, deputato e Segretario Nazionale di Sinistra Italiana. Le conclusioni saranno affidate al candidato sindaco Vito Fiacco detto Fender.

«I nostri valori sono stati chiari ed evidenti durante queste settimane di campagna elettorale – spiega Di Pasquale – ogni nostro candidato o militante, quando si presentava ad un potenziale elettore, prima illustrava il programma, poi chiedeva un voto per Rinascita, poi per il candidato sindaco ed in ultimo per sé. L’esatto contrario di tutti quelli che chiedono il voto solo per sé stessi, attraverso la conoscenza personale e il favoritismo, senza sentirsi parte di nulla. Rinascita è una comunità con una classe dirigente giovane e preparata, arricchita di una serie di esperienze, che ha già tutte le carte in regola per governare questa città».

«Si avvia a conclusione – racconta Carla Mercogliano – una delle campagne elettorali più anomale della storia della città. Voglio ringraziare i candidati di Rinascita e tutti i militanti dei gruppi organizzativi per il grande lavoro di queste settimane. Gli eventi che hanno portato a queste elezioni anticipate e la mancata partecipazione a queste elezioni di Pd e M5s ci hanno consegnato la grande responsabilità di rappresentare tutta la sinistra in questa tornata elettorale amministrativa. Abbiamo provato ad onorare questo compito al meglio, supportati dal fatto che Rinascita si propone, fin dalla sua fondazione, di fare da collante di tutte le esperienze di sinistra, attraverso il dialogo e condivisione di progetti e valori. I nostri consiglieri comunali rappresenteranno tutti i cittadini che si riconoscono nella sinistra, superando i colori politici».

«Abbiamo provato a portare in ogni quartiere e in ogni casa di Pomigliano la nostra idea di città – racconta il candidato a sindaco Vito Fender – che è fatta di rispetto e tutela dell’ambiente, di un nuovo piano del verde, di mobilità sostenibile, di avvicinamento delle periferie al centro e di nuovi spazi culturali. Non è più tollerabile una città in cui esistono cittadini di serie A e cittadini di serie B, classificati in base al quartiere dove abitano o alle loro capacità economiche. Vogliamo che ogni cittadino abbia le stesse possibilità di praticare sport, di studiare e fare attività culturali in uno spazio decoroso, di potersi spostare dalla periferia al centro senza dover per forza prendere l’auto. E ancora, mi riferisco ai cittadini più anziani, avere spazi ricreativi e di socialità funzionali dopo una vita di lavoro, non più solo panchine al sole e al freddo. Per fare tutto questo puntiamo ad una politica che restituisca gli spazi pubblici ai cittadini, oggi quasi completamente affidati a privati che, legittimamente, seguono la logica del profitto. Abbiamo la grande possibilità dei fondi del PNRR che non possiamo assolutamente sprecare. A queste elezioni c’è chi si candida a governare la città dopo aver amministrato per 12 anni ininterrotti, prima nei 10 anni di amministrazione Russo, poi in quella Del Mastro. Questi ultimi hanno addirittura sfiduciato il loro sindaco da un notaio per riunirsi con chi aveva perso le elezioni appena due anni prima. La nostra proposta è alternativa a queste logiche di potere e di favore. Siamo convinti che i cittadini di Pomigliano ci daranno una grande fiducia».

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche