giovedì 13 Giugno 2024
HomeCronacaRoghi, la rabbia degli attivisti: "Non siamo in vendita e non lo...

Roghi, la rabbia degli attivisti: “Non siamo in vendita e non lo saremo mai”

ACERRA. Terra dei fuochi, sabato la manifestazione per dire basta ai roghi, in prima linea come sempre la Rete Cittadinanza e Comunità e Stop Biocidio. Appuntamento per le 18 a Piazza Castello ad Acerra.

La situazione è ormai diventata insostenibile, i roghi tossici causati dall’incendio dei rifiuti abbandonati non accennano a diminuire, anzi iniziano ad interessare anche le zone che non rientrano nel patto della Terra dei fuochi. Negligenze e inerzie politiche, hanno fatto sì che questa estate fosse la peggiore rispetto a quelle passate. Per questo si scende in piazza a protestare, a manifestare, a far sentire la voce di un popolo che non ha più intenzione di essere martoriato dalla “munnezza”. L’appuntamento è previsto per sabato 7 settembre ad Acerra, alle 18.00 a Piazza Castello. In prima linea come sempre gli attivisti di Rete Cittadinanza e Comunità con Stop Biocidio, che questi mesi li hanno trascorsi sui roghi a documentare gli ennesimi danni ambientali, ci spiegano: “Noi non dimentichiamo i nomi e le facce di chi ci ha riso in faccia, di chi ha guadagnato dalle emergenze rifiuti, di chi ha finto di voler risolvere tutto, di chi ha negato addirittura che il problema esistesse e di chi viene dalle fila della camorra”. Continuano: “Reputiamo assolutamente raccapricciante che oggi, mentre si profila una nuova e prevedibilissima crisi dovuta esclusivamente alla manutenzione programmata (non straordinaria) dell’inceneritore di Acerra e mentre la Terra dei Fuochi continua a essere un inferno, i partiti che hanno causato la devastazione ambientale in cui ci troviamo a vivere tentino di rifarsi il trucco nelle piazze, approfittando della disperazione della gente. Gli abitanti della Terra dei Fuochi si dissociano con disgusto da queste manovre di marketing politico e non prenderanno parte a nessuna manifestazione o incontro il cui scopo sia procacciare voti in vista delle prossime elezioni regionali. Non siamo mai stati in vendita e non lo saremo mai. Se ne facciano una ragione i vari tesserati di partito e si prendano, piuttosto, le loro pesantissime responsabilità”.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche