giovedì 13 Giugno 2024
HomeCronacaRubate 597 pecore contaminate da diossina

Rubate 597 pecore contaminate da diossina

NOLA – Il settore Tutela Ambiente del Comune di Nola comunica che nelle date 25 e 27 ottobre 2007 sono stati denunciati, rispettivamente al commissariato di polizia di Nola e alla stazione dei carabinieri di Nola, i furti di due greggi di pecore.


I proprietari dei greggi, un 41enne e un 43enne, entrambi della cittadina nolana, avevano ricevuto l’ordinanza di abbattimento e distruzione di tutti gli ovini. Abbattimento da effettuare in accordo con il servizio Veterinario dell’Asl Napoli 4, distretto 73. Gli animali presentavano, infatti, valori di diossine nel latte superiori ai limiti consentiti. I capi di bestiame, in totale 597, erano stati posti sotto sequestro in base all’ordinanza sindacale del 10/02/2004 n. 06/04, con la quale si vieta il pascolo vagante di tutti gli erbivori stanziali e transumanti sul territorio di Nola per l’emergenza diossina. “Il furto – sottolinea il settore Tutela Ambiente del Comune di Nola – che si va a sommare ad un fatto analogo denunciato lo scorso 3 ottobre 2007, costituisce un grave pericolo per la salute pubblica. Pertanto, alla cittadinanza si rinnova l’invito a consumare con cautela qualsiasi prodotto di diretta o derivata provenienza ovina, verificandone le opportune certificazioni”.

Gabriella Castiello

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche