lunedì 24 Giugno 2024
HomeCronacaS.o.S postini: domani protesta dei cittadini.

S.o.S postini: domani protesta dei cittadini.

OTTAVIANO – E’ disagio in questi giorni per l’S.o.S postini lanciato dai cittadini che non vedono più recapitarsi la posta. Lamentele, tanta rabbia e “domani – fanno sapere i cittadini – ci recheremo all’ufficio postale perchè ci siamo stufati”


Era qualche settimana che si sentivano le lamentele dei cittadini ottavianesi sul mancato recapito della posta, ma ora un gruppo di persone ha deciso di passare al concreto. “Abbiamo più volte lamentato questo problema all’ufficio postale – racconta il sign. Luigi – ma il tutto senza risultati. Ci hanno più volte risposto che dovevamo dare il tempo materiale ai nuovi addetti di imparare le strade. E noi glielo abbiamo dato. Abbiamo aspettato una settimana, già troppo, chi viene assunto deve essere una persona preparata, che abbia capacità di organizzarsi e non che si improvvisi. E la posta non ci è comunque pervenuta. Ora quello che non capisco io è perchè non prendere provvedimenti. Il disagio c’è e molti di noi stanno avendo anche problemi a causa di bollette che arrivano in ritardo, e io per colpa di chi non sa fare il suo lavoro devo pagare la mora sulla bolletta? Oppure devo vedere che il postino mi ferma nella mia strada, e mi chiede indicazioni e continue informazioni? A fine mese dividerò lo stipendio con lui?” Questa la rabbia di chi domani pretende risposte concrete e una soluzione immediata. Ma ecco invece come si giustificano i postini :”Il problema è causa di un contratto part time che ci viene fatto: veniamo assunti solo per tre mesi e non abbiamo nemmeno il tempo di imparare, e poi non è vero che incestiniamo la posta, potremmo essere in ritardo con la consegna, ma non ne abbiamo incestinata nessuna”. Insomma emergenza posta sembra essere diventato l’incubo degli ottavianesi, che domani si recheranno nuovamente negli uffici postali per chiedere ancora una volta una soluzione.

Giovanna Salvati

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche