sabato 28 Maggio 2022
HomeComunicati stampaSan Giorgio.Commissione trasparenza, il sindaco : "Basta polemiche"

San Giorgio.Commissione trasparenza, il sindaco : “Basta polemiche”

SAN GIORGIO A CREMANO. Commissioni Consiliari
Sindaco e Presidente del Consiglio scendono in campo:”Basta polemiche, unico scopo l’interesse della città”

In relazione alle ultime vicende relative allo scontro in Commissione Trasparenza che ha portato alla sfiducia del Presidente della stessa, e alle successive polemiche sulle Commissioni consiliari, sull’impegno dei Consiglieri, sulle indennità di presenza, sui premessi lavorativi, il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Giordano e il sindaco Giorgio Zinno dichiarano:
” Abbiamo assistito negli ultimi giorni a numerose polemiche, anche su argomenti che nulla hanno a che vedere con l’impegno civico a cui ognuno di noi è chiamato. Alla luce di quanto appreso, riteniamo doveroso rinviare al mittente ogni polemica, rivendicando la centralità delle Commissioni consiliari permanenti che, essendo articolazioni del Consiglio Comunale, svolgono l’imprescindibile ruolo di indirizzo e controllo su tutti gli atti di competenza dello stesso.
Ogni allusione e generalizzazione sul lavoro delle commissioni, nonchè sulla condotta dei Consiglieri comunali non può essere condivisa, nella consapevolezza che tutti, maggioranza ed opposizione, sottraendo tempo ai propri impegni lavorativi e ai propri affetti, sono animati dalla volontà di migliorare la nostra comunità.
Risulta altresì inopportuno e maldestro, da parte di addetti ai lavori dichiarare che una seduta non convocata sia un risparmio per l’ente e non un’opportunità mancata per discutere e confrontarsi ma soprattutto è quanto mai doveroso ricordare a qualcuno che la decisione di autoconvocazione delle Commissioni consiliari è stata una scelta condivisa da tutti i Presidenti delle Commissioni, in carica e non, allo scopo di consentire una maggiore snellezza delle procedure ed una riduzione del carico di lavoro per i segretari di commissione.
E’ inaccettabile che una semplice contrapposizione di vedute possa sfociare in un attacco generalizzato e gratuito alla partecipazione democratica e agli organi previsti dal nostro statuto anzichè stimolare proposte che possano sempre più garantire rappresentatività unitamente ad efficienza ed efficacia dell’azione politica.
Pertanto invitiamo tutti ad abbassare i toni, tralasciando i personalismi riprendendo il percorso di confronto che ha come unico scopo l’interesse della nostra comunità e migliorare, perchè no, i processi amministrativi”.

Articoli recenti