lunedì 20 Maggio 2024
HomeCronacaSant’Antimo. Sequestrati immobili e diciotto tabelloni abusivi

Sant’Antimo. Sequestrati immobili e diciotto tabelloni abusivi

Sant’Antimo. A qualche mese fa risale il sequestro di tabelloni pubblicitari abusivi, delle dimensioni 6×3, operato su tutto il territorio dagli uomini della Polizia Municipale di Sant’Antimo.

A seguito delle contestazioni operate, alcuni soggetti hanno pensato bene di eludere i controlli e il rispetto delle norme urbanistiche e del codice della strada posizionando i totem in suoli privati ma l’attenzione degli agenti però, resta comunque alta verso il fenomeno. Infatti l’altro giorno, l’attenzione degli uomini del Comandante, Maggiore Biagio Chiariello, è ricaduta su una vasta area di circa mille metri quadri dove un privato, M.V. di anni 50, aveva concesso in fitto il suolo ad un’agenzia che aveva posizionato ben diciotto tabelloni pubblicitari all’interno del suolo. All’interno gli agenti hanno riscontrato che vi erano diversi manufatti abusivi e i totem installati senza autorizzazione e in condizioni precarie di sicurezza. Il titolare dell’area è stato denunciato e tutti i manufatti e tabelloni posti sotto sequestro con informativa di reato inoltrata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord dove il provvedimento è stato convalidato. Il tutto è stato segnalato anche al settore commercio dell’ente, competente esclusivo per il rilascio delle autorizzazioni di occupazione e pubblicità, organo che sta provvedendo ad aggiornare il vetusto regolamento specifico. L’operazione rientra tra le misure poste in essere per il ripristino della legalità e riportare il decoro urbano con non poche difficoltà, da parte degli agenti della municipale che si trovano ad operare in un territorio difficile ubicato nell’area Napoli Nord. Le attività si ripetono quasi quotidianamente al fine di debellare il fenomeno delle pubblicità abusive con una trentina di tabelloni individuati e segnalati per la rimozione, molti dei quali sono stati rimossi da responsabili. I tabelloni, oltre a costituire uno scempio, sono anche un serio pericolo per le persone.
Dal Comando, 08.03.2016.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti

Rubriche