domenica 25 Settembre 2022
HomeCronacaSigilli in un fondo agricolo, all'interno una discarica abusiva di rifiuti tossici...

Sigilli in un fondo agricolo, all’interno una discarica abusiva di rifiuti tossici speciali

POMIGLIANO D’ARCO. Sigilli in un terreno agricolo, all’interno una discarica abusiva di rifiuti tossici speciali. Amianto (eternit), motori e carcasse di auto facevano da cornice ad altrettanti rifiuti speciali, che erano stati depositati all’interno di una vasta area, di circa 4mila metri quadrati nelle immediate vicinanze del cimitero, di proprietà privata.

Una discarica enorme e pericolosa, e, quel che è peggio destinata, con tutta probabilità, a crescere: fino ad arrivare, come spesso accade, ad interrare i rifiuti tossici una volta occupato l’intero spazio dell’area in superficie. Se non fosse stato grazie alla scoperta dei carabinieri della locale stazione, che nel corso di una serie di controlli hanno fatto l’agghiacciate scoperta. I sigilli all’intera area sono scattati questa mattina, così come le denunce ai respnsabili, rispettivamente il proprietario del terreno e l’affittuario. I militari dell’arma, a seguito di accurate indagini volte a monitorare “una serie anomala di movimenti”, all’interno di quel fondo in via Cimitero, supportate inoltre da intercettazioni ambientali e videosorvegliate, sono entrati in azione bloccando lo sversamento illecito di diverso tipo di rifiuti speciali. I responsabili della discarica sono stati denunciati in stato di libertà per violazione alle leggi a tutela dell’ambiente e abuso edilizio, si tratta di un 50enne del luogo, imprenditore, proprietario, tra l’altro, già noto alle forze dell’ordine e un 51enne di Caserta, imprenditore, incensurato, quest’ultimo risultava l’affittuario.

Le analisi dell’Arpa Campania daranno conferma, in caso di test positivi dei sedimenti di terreno prelevati, se nell’area adibita a discarica vi è la presenza di rifiuti tossici speciali. Certo già il rinvenimento delle lastre di amianto, il pericoloso eternit, costituisce una presenza di rifiuto tossico. Nel corso del sopralluogo dei militari dell’arma, sono stati rinvenuti diversi tipi di rifiuti speciali e materiale da risulta, oltre alle lastre di eternit, anche plastica, carcasse di auto, motori intrisi di olio, materiale ferroso, pneuamatici di diverse dimensioni e calcinacci. Mentre la restante parte dell’area era adibita come parcheggio di mezzi pesanti di proprietà del 51enne. Con successive verifiche i carabinieri hanno accertato che il terreno aveva una diversa destinazione d’uso, ovvero fascia di rispetto cimiteriale. L’area, di circa 4mila metri quadrati per un valore stimato in un milione di euro, è stata sequestrata.

Abbiamo bisogno di un piccolo favore

Nel 2020, 2 milioni 145mila persone hanno letto gli articoli de La Provincia Online. Eppure, siamo rimasti tra i pochi giornali online non a pagamento e lo abbiamo fatto perché siamo convinti che tutti meritino l'accesso ad una informazione corretta e trasparente. Ma stiamo subendo anche noi gli effetti una crisi economica senza precedenti, eppure abbiamo continuato a migliorarci, a studiare nuove rubriche e trasmissioni per la nostra webtv (che trasmette per ora sulla nostra Pagina Facebook). Per continuare a fare giornalismo di inchiesta, in un territorio difficile come il nostro, adesso abbiamo bisogno di voi lettori. Non abbiamo proprietari milionari. Il nostro giornale è libero da influenze commerciali e politiche e così vogliamo restare. Voi con il vostro piccolo aiuto economico ci permetterete di mantenere la nostra indipendenza e libertà. Un piccolo o grande aiuto che permetterà alla Provinciaonline di continuare ad informarvi su quello che tanti non vogliono dirvi.

Articoli recenti